Città di Messina-Bari: settore ospiti chiuso e trasferta vietata ai residenti in Puglia

La Questura di Bari ha notificato il provvedimento adottato dal Prefetto di Messina, in virtù degli incidenti tra tifoserie dei mesi scorsi

Durante la prossima trasferta, in programma il 3 marzo allo Stadio San Filippo contro il Città di Messina, il Bari dovrà fare a meno dei suoi tifosi a cui è stato imposto il divieto di trasferta.

Nel primo pomeriggio, infatti, la Questura di Bari ha reso noto il provvedimento notificato dal Prefetto di Messina che ha stabilito:

  • Divieto di vendita dei tagliandi ai residenti nella Regione Puglia;
  • Chiusura del settore ospiti dell’impianto sportivo “Marullo” di Messina;
  • Vendita dei tagliandi previa identificazione degli acquirenti.

La decisione del Prefetto messinese è quasi certamente da ricondurre agli scontri che nei mesi scorsi hanno coinvolto la tifoseria biancorossa in territorio siciliano. Cornacchini e i suoi, dunque, dovranno provare a ottenere il massimo dall'ultima gara prima delle due settimane di sosta del campionato, facendo a meno del calore dei propri sostenitori.

Potrebbe interessarti

  • Cos'è la Malmignatta e cosa fare in caso di morso

  • Come tenere puliti e privi di germi e batteri i bidoncini della spazzatura

  • Forno a microonde, quali sono i reali rischi per la salute?

  • ''La Uascèzze''

I più letti della settimana

  • Domatore ucciso dalle tigri, la titolare del circo: "Non è stato sbranato, ferita accidentale"

  • Punta la pistola contro universitari e pretende di parcheggiare: "Toglietevi da lì", paura per 3 ragazzi a San Pasquale

  • Il quartiere Libertà piange Fransua: cordoglio e messaggi di ricordo sui social

  • Da Giovinazzo a Fesca trasportata dal mare mosso: gabbia per l'allevamento pesci recuperata dalla Guardia Costiera

  • In arrivo un'altra ondata di maltempo: allerta arancione per martedì, previsti temporali e grandine

  • Dal gioco d'azzardo alle estorsioni agli imprenditori: la mappa dei racket dei clan in città

Torna su
BariToday è in caricamento