Crotone-Bari, le pagelle: top Sciaudone e Cani. Delude Galano

Il talento del foggiano si accende pochissime volte, generando una prestazione incolore. Bene l'albanese, all'esordio dal 1'. Alla mezzala, manca solo il gol

Daniele Sciaudone

Un buon Bari conferma i progressi delle ultime settimane, e va a conquistare il primo punto lontano dal San Nicola nel girone di ritorno, in un campo tutt’altro che facile come quello di Crotone. I rossoblu, pur potendo recriminare per la traversa colpita da Suagher nel finale di gara, hanno sofferto per lunghi tratti del match, subendo l’aggressività del Bari, e l’atteggiamento sornione dei biancorossi.
Un ottimo risultato che mantiene la squadra di Alberti a debita distanza dai playout, ma fra due giorni si ritorna in campo.

Pagelle

BARI (4-3-3) Guarna 6,5; Zanon 6 (32’st Sabelli s.v.) Ceppitelli 6,5 Polenta 6,5 Calderoni 6; Sciaudone 6,5 Romizi 6,5 Lugo 6 (22’st Delvecchio 6); Galano 5,5 (19’st Lores Varela 6) Cani 6,5 Defendi 6. A disposizione: Pena, Sabelli, Chiosa, Samnick, Fossati, Beltrame, Leonetti. All. Alberti 6,5

Guarna 6,5 – Sempre attento sulle seppur timide conclusioni degli avversari. Nel finale, la traversa gli dà una mano. Per la terza volta consecutiva, la sua porta resta inviolata. Un record

Zanon 6 – Deve ricorrere spesso alle maniere forti per contenere De Giorgio, uno dei più talentuosi elementi della formazione calabrese. Se la cava, pur con qualche affanno, e non disdegna qualche azione offensiva

Ceppitelli 6,5 – Ishak la vede con il contagocce. Il motivo porta il nome dei due centrali difensivi

Polenta 6,5 – Puntuale, attento, discreto anche in fase di impostazione. Sta tornando ai livelli che gli competono

Calderoni 6 – Spinge con costanza, supportando l’azione di Defendi. Con il suo unico grave errore, rischia di compromettere il risultato. La dormita su Suagher è imperdonabile

Sciaudone 6,5 – Nel primo tempo è l’uomo chiave che manda in tilt la difesa del Crotone e il settore sinistro dei pitagorici. Sue le due occasioni più importanti della prima frazione, che sfortunatamente non traduce in gol. Ma è la costanza negli inserimenti, il numero di palle rubate ad incidere profondamente sul match

Romizi 6,5 – Spiace per Fossati, ma con lui in campo, la mediana del Bari gira alla grande. Taglia e cuce con la solita commistione di sostanza del mediano, e sapienza del metronomo

Lugo 6 – A corrente alternata, ma non dispiace. Un paio di strappi importanti, con i quali ha l’opportunità di avviare la transizione offensiva. Cala alla distanza

Galano 5,5 – Qualche tocco sapiente, un paio di dribbling riusciti e nient’altro. Troppo poco per poter essere determinante

Cani 6,5 – Se il Bari riesce a far danni alla difesa del Crotone, il merito è del lavoro di questo ragazzone di oltre 1 metro e 90. Tiene in apprensione da solo i due centrali, fa salire la squadra, squarciando la retroguardia con i suoi movimenti in verticale. Gli manca solo il gol, che per poco non arriva. Ma un goleador non lo è mai stato. L’esordio (dal primo minuto, ndr) è più che positivo

Defendi 6 – Solito lavoro di fatica, nel garantire il raccordo tra centrocampo e attacco. Si fa vedere anche alla conclusione, ma trova il piedone di Gomis

Delvecchio 6 – Una ventina di minuti per riassaporare il campo, e tenere in piedi il centrocampo con il suo fisico, e l’esperienza

Lores Varela 6 – Entra e si fa vedere al cross ripetutamente. Non incide tantissimo, perché sfortunatamente il suo ingresso giunge nella fase morta del match. Merita più spazio, per poter essere valutato

Alberti 6,5 – Terzo risultato utile consecutivo, terza gara senza subire reti. Il suo Bari cresce di partita in partita, mostrando maturità nei momenti caldi dell’incontro, senza le solite amnesie, e i momenti di blackout psicologico, che spesso sono costati parecchi punti. Non può non avere dei meriti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nonnina fortunata a Bari: 90enne si aggiudica 200mila euro al Gratta e Vinci

  • Coronavirus, caso sospetto a Bari: accertamenti su paziente ricoverata al Policlinico, rientrava dalla Cina

  • Ludovica volata via a soli 18 anni, il Ministero le concede il diploma alla memoria: "Una borsa di studio in suo onore"

  • La dea bendata bacia anche Rutigliano: sbancato il gratta e vinci, fortunato si aggiudica 2 milioni di euro

  • "Da qui non esci vivo", imprenditore vittima d'estorsione legato e minacciato per una denuncia: arrestato 'U can'

  • Auto in sosta 'impacchettata' con la carta regalo: "Hai capito che qui non devi parcheggiare?"

Torna su
BariToday è in caricamento