Il Cus Bari trionfa ai campionati italiani universitari 2018 a Taranto

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Il CUS Bari Centro Sportivo Unversitaro Campione D’Italia, di Canottaggio, Canoa e Kayak. ai CNU 2018! Si sono svolte nel lungo weekend a Taranto le gare dei Campionati Nazionali Universitari edizione 2018, con le prove di canottaggio, canoa e kayak nell’area del Mar Piccolo. Undici i Centri sportivi Universitari presenti, con otre 300 atleti. Al termine delle giornate di gara sono stati assegnati i titoli per la Canoa e il Canottaggio. CANOTTAGGIO. Sulle distanze dei 500, 1000 e 2000 metri. A vincere più titoli in assoluto nella due giorni di gare è stato il CUS Bari che ne ha vinti nove, conquistando anche la prima posizione nella classifica generale complessiva con lo score di 165 punti, davanti al CUS Pavia, che ha totalizzato il punteggio in classifica di 152 e si è aggiudicato otto titoli. Sugli scudi anche il CUS Insubria che ha vinto sei titoli piazzandosi al quinto posto nella classifica generale con il punteggio di 63. Tre CUS che hanno portato a casa in totale 23 titoli sui 31 in palio a Taranto. Straordinarie prestazioni dei canottieri cussini baresi, che si confermano nell'elite d'Italia e hanno conquistato 19 medaglie. Per quello che riguarda l'ultima finale disputata dominata dal CUS Bari, quella dell'otto maschile, a vincere sono stati Emanuele Fiume (Fiamme Gialle Campione del mondo in doppio junior), Michele Quaranta (Marina Militare Campione Mondiale under 23 pl), Raffaele Giulivo (Marina Militare e campione del mondo), Andrea Maestrale (Marina Militare e campione del mondo), Loconsole Samuele (Canottieri Telimar) , Carlo Alberto Vedana e Riccardo Ricci (CUS BARI e campioni d’Italia nel 2+ universitario e 2 jole) e Antezza Andrea(CUS Bari), timonati da Agnese Dezi (CUS Bari), alle cui spalle sono giunti CUS Pavia e CUS Genova. Per loro gli applausi dalla balconata del circolo Sott’ufficiali della Marina Militare, che ha accolto nelle giornate interessate dalle gare, ospiti eccellenti, Insieme a loro, si sono distinti altri atleti del CUS Bari, già medagliati nelle precedenti edizioni dei Campionati Universitari: Antongiulio Prete, Luca De Giosa, Agnese Dezi, Antonio Laraspata. Hanno trionfato con il CUS Bari, anche nel quattro con mettendo al collo la medaglia più pregiata Mario Castoldi, Stefano Morganti, Marco Venturini, Cristiano Bortolotti e Andrea Riva (tim) . in trionfo i colori del CUS Bari anche nel due con Samuele Loconsole, Marco Spinosa e Agnese Dezi superando il CUS Ferrara. Tra gli esordienti hanno gareggiato Diletta Berardi, Natascia Cavallo e lo svedese Jaakoo Pulkammen, giunto a Bari per studiare Medicina in Lingua Inglese. Della divisione universitaria, anche atleti della società Pro-Monopoli, come Marco Spinosa (campione italiano 8 pl), Ilenia Fiume e Laura Ruggiero. Ancora, dalle società remiere pugliesi proviene Giuseppe Marasciulo (Monopoli 2005), che nello scorso anno è stato medaglia d’oro nel Campionato Italiano di Società. Dalla Canottieri Telimar proviene invece Samuele Loconsole. Dal gruppo Vigili del fuoco arriva Paola Piazzolla mentre dalla Canottieri Padova è migrata a studiare a Bari la veneta Asja Maregotto (campionesse del mondo in 4x pl). CANOA. I Campionati Nazionali Universitari 2018 che hanno assegnato i titoli sulle distanze dei 200, 500 e 1000 metri Numeri importanti e qualità degli atleti in gara, a dimostrazione che il il difficile binomio sport-università è possibile, grazie soprattutto al supporto dei numerosi centri universitari sportivi affilati alla FICK. In classifica generale vince la squadra di casa del CUS Bari, che va al comando della classifica con 289 punti: l’ateneo barese, si aggiudica la vetta grazie anche ai numerosi atleti della Marina Militare presenti in qualità di studenti Uniba; segue in seconda piazza con 283 punti il CUS Pavia, mentre terzo l’ateneo meneghino sotto i colori del CUS Milano con 203. Buon risultato per i colori biancorossi sotto il sole pugiese per la Canoa, che ha conquistato 18 medaglie , con54 atleti fisici che hanno partecipato a 199 atleti gara e dato vita a 112 equipaggi. Tra loro Giuseppe Anaclerio (già campione italiano K4 under23), Luca Marzano, Christian Carulli, Fabrizio Casilli, Alessio Bottalico, Samuele De Palo, Ilaria Nitti (pluricampionessa italiana), Flavia Bianchini e Alessia Aragona, a cui si aggiunge Marco Triggiani, della società barese Marton. Ma anche i canoisti della della Marina Militare Michele Bertolini, Carmelo Laspina e Achille Antonio Di Caterino (plurimedagliati in competizioni nazionali e internazionali). Sui 1000m nel K1 maschile, oro al CUS Bari con Antonio Achille Di Caterino, Di Caterino si conferma anche sulla media distanza dei 500m, davanti a Bernocchi (CUS Milano) e Bertolini (CUS Bari) Nell’ammiraglia del C4 500m maschile è il CUS Bari con Casilli, De Palo, Somma e Marzano a primeggiare sul CUS Pavia, conquistando il titolo di Campioni d'Italia. Tripletta per il CUS Bari che dopo l’oro nel K1 1000, nel K1 500 domina anche i 200m grazie al fuoriclasse Michele Bertolini. Lo stesso, in coppia con Carmelo La Spina si impone anche nel K2 200m, su Bernabei - Tovo ( e Millia - Mezzadra (CUS Pavia). Conclusione d'argento nella staffetta K1+K2+K4 del CUS Bari di Bertolini, Di Caterino, La Spina, Anaclerio, Triggiani, Bottalico e Marzano. Nella canadese monoposto femminile argento per Ilaria Nitti (CUS Bari) “ Felice e sorridente l presidente del CUS Bari Giuseppe Seccia che spiega - i CNU sono una manifestazione di rappresentativa che mette a confronto, nella varie discipline sportive, i migliori atleti iscritti agli atenei nazionali, attraverso i rispettivi CUS. Grande soddisfazione per i risultati raggiunti in un evento che inserito nel programma ufficiale del Centro Universitario Sportivo Italiano, è stato in questo anno organizzato dall’Università degli Studi di Bari Aldo Moro e dal CUS Bari, grazie alla collaborazione della Marina Militare e dell’Aeronautica Militare.Ora mi auguro che si risolvano i divieti di allenamento per i nostri ragazzi nello specchio d’acqua davanti al CUS. Una questione davvero assurdo. Ringrazio la Capitaneria di Porto, e in particolare Marina Militare per quanto ha fatto per la buna riuscita dell’evento a Taranto ”

Torna su
BariToday è in caricamento