De Laurentiis loda la sua creatura: "Bari da 10. Da gennaio business plan per la Serie C"

Il presidente dei biancorossi al bilancio dei primi mesi al timone del club: "Scelte giuste nonostante il poco tempo a disposizione. Gran lavoro di Giuntoli, Pompilio e Cornacchini"

Matteo Scala e Luigi De Laurentiis

"Se mi chiedete che voto darei al Bari fin qui, io rispondo 10". Parola di Luigi De Laurentis, presidente dei galletti, intervenuto in mattinata insieme al team manager Matteo Scala per incontrare la stampa e tirare le somme di questi primi mesi al timone del club biancorosso. "La nostra realtà è nata con poco tempo a disposizione ma i risultati ci dicono che finora sono state fatte le scelte giuste" ha aggiunto. E come dargli torto con il Bari al comando del Girone I di Serie D, con 11 punti di vantaggio sulla seconda in classifica (oltre al miglior attacco e alla miglior difesa del raggruppamento, con 35 goal fatti e 5 subiti).

"Sono passati 100 giorni che valgono come un anno - ha dichiarato il numero uno del Bari -. Siamo partiti dalle richieste basilari come gli asciugamani per fare la doccia. Pian piano abbiamo costruito una squadra che potesse sostenere in maniera adeguata il campionato di Serie D, pur non sapendo ancora con certezza in quale categoria avremmo giocato. Poi a metà settembre siamo partiti con la prima partita in trasferta".

Grande lavoro di Giuntoli, Pompilio e Cornacchini

De Laurentiis ha espresso soddisfazione per il lavoro svolto da chi ha assemblato la rosa a disposizione di Cornacchini: "Sono molto contento di essere al primo posto in campionato. Siamo l'unica imbattuta tra i dilettanti. E' un orgoglio anche per Giuntoli e Pompilio che hanno allestito una grande squadra. Un plauso a Cornacchini che è riuscito ad amalgamare un gruppo di giocatori che non si conoscevano in poco tempo. Il Bari è motivo d'orgoglio anche per la Filmauro. Credo che la nostra onestà intellettuale sia un valore aggiunto. Ogni scelta per la società viene fatta con criteri che beneficiano di 15 anni di esperienza nel calcio e spirito imprenditoriale di chi è abituato a diversificare le proprie attività. Tutte le persone che lavorano dai calciatori allo staff manageriale fanno il massimo". Parole di eologio anche da parte di Scala: "Ringrazio la proprietà, non ci fa mancare nulla anche in questa fase che è ancora di start-up. Lavoro con uno staff altamente valido dal punto di vista professionale e umano".

Contro il Bari solo "polemiche sterili"

Nella maggior parte dei campi dove è andato il Bari è stato accolto con rispetto da tifoserie e addetti ai lavori, nelle scorse settimane, tuttavia, più di qualcuno ha avuto da ridire sui biancorossi (da chi parla di sudditanza da parte dei direttori di gara a chi addirittura contesta il fatto che i pugliesi siano ripartiti dalla Serie D anziché dalla Terza categoria): "Per me non sono nient'altro che speculazioni - ha stigmatizzato De Laurentiis -. Ci deve essere per forza qualcosa che stuzzichi e sporchi. Dormo tranquillo, non mi faccio problemi. Mi spiace per l'allenatore della Turris ma a noi la D è stata imposta, è stato deciso dall'alto. Anche iniziando dalla D ci abbiamo messo ancora più impegno. Sono polemiche sterili. Ci siamo sudati tutto con impegno, sudore e strategia". Gli fa eco Scala: "Non ci soffermiamo mai sulle decisioni arbitrali, è la nostra linea societaria. Pensiamo solo al nostro lavoro. Ciò che succede da fuori non ci riguarda. Le regole valgono per tutti. I nostri numeri parlano per noi".

Lavoro col Comune per restyling del San Nicola

Questione stadio: "La concessione deve ancora arrivare. Noi vorremmo una gestione lunga per lavorare compatti col Comune di Bari e migliorare lo stadio. Architettonicamente è ok, deve subire un restyling. Lavoreremo in maniera rapida per renderlo più vivibile". "Bari ha avuto trascorsi ballerini ma la città sa cosa ha creato mio padre con il Napoli. La gente percepisce quanto stiamo facendo e io non mi aspettavo una partecipazione a questi livelli. Dobbiamo costruire un percorso di fidelizzazione per raccogliere sempre più tifosi e entusiasmo. Tutto ciò è fondamentale. La grande partecipazione ci motiva, ci alimentiamo di questo. I nostri tifosi sono unici e particolari. La doppia proprietà? Per ora non ci pensiamo ma siamo pronti ad agire, siamo dei risolutori. Stiamo cercando di costruire un percorso. Nel calcio avevo sempre seguito l'aspetto commerciale, ogni giorno imparo cose nuove. 

Calciomercato Bari: da gennaio business plan per la C

Stuzzicato dai cronisti presenti, il team manager Scala ha risposto su eventuali movimenti dei biancorossi, specie nel reparto di centrocampo: "A dire il vero Cornacchini è molto contento dei centrocampisti a disposizione . Abbiamo valutato i ritocchi da fare, sono arrivati un under per la difesa e un attaccante con caratteristiche diverse da quelli già in rosa". A svelare le mosse per il 2019 dei galletti, poi ci ha pensato il presidente, che già ragiona nell'ottica del prossimo campionato: "La Serie C è il campionato più impervio, gli investimenti da fare sono importanti. Trovo sia un campionato che non ha ancora la visibilità che merita. A gennaio faremo un business plan per la Serie C. Avremo lo stesso approccio aggressivo che c'è stato in estate". 

La fiducia di ADL

"Se mio padre mi ha scelto come conduttore di questa nuova avventura è perché me la sono guadagnata sul campo - ha infine dichiarato il presidente, riguardo al rapporto col padre Aurelio De Laurentiis, che per primo ha voluto puntare sul club del capoluogo pugliese, proponendosi come artefice della rinascita -. Per tanti anni gli ho dovuto dimostrare qualcosa. Oggi ci confrontiamo da adulti, non dico ad armi pari ma quasi. Lui ha tanta esperienza, lui è un 70enne giovane, i nostri scontri imprenditoriali sono divertenti".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Le prossime due sono in casa e vincendole si metterebbe una pietra tombale sulla p@#?*%$ozione.Sarà il caso per De Laurentis di fare lo sforzo necessario perchè la C non diventi un purgatorio come lo fu negli anni 80 con diversi tentativi andati a vuoto.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Patrocinio gratuito usufruito indebitamente nel processo": indagata 27enne vittima di stalking

  • Cronaca

    Incendio e riciclaggio di denaro nel Bresciano: cinque arresti. Blitz anche nel Barese

  • Cronaca

    "Quasi 30mila mq di installazioni abusive", il Comune lancia il bando per regolamentare la pubblicità in città

  • Cronaca

    Card prepagate e varchi per accedere al Moi, novità dal 1° aprile: "Stop ai contanti e agli abusivi"

I più letti della settimana

  • Chicco è tornato a casa: ritrovato il cagnolino rubato insieme ad un'auto

  • Nuova ferrovia Bari-Torre a Mare, da domani e fino al 2020 i lavori in Tangenziale: deviazioni a Japigia

  • Violenta rissa per strada armati di ascia e pistola: arrestati sei giovani a Rutigliano

  • L'Università di Bari al top in Italia: giudizio positivo dall'Anvur, "stesso voto della Bocconi"

  • Rutigliano, scoppia rissa in strada: giovane ferito

  • Violento scontro tra due auto a Palese: giovane ricoverato in codice rosso, ferite altre due persone

Torna su
BariToday è in caricamento