SSC Bari, accordo con BPPB: sarà il terzo sponsor di maglia

Presentato l'accordo tra il club biancorosso e la Banca Popolare di Puglia e Basilicata: avrà durata triennale e prevederà iniziative specifiche per i tifosi dei galletti

Nel primo pomeriggio il presidente della SSC Bari Luigi De Laurentiis ha presentato i termini dell'accordo di sponsorizzazione tra il club biancorosso e la Banca Popolare di Puglia e Basilicata, in una conferenza alla quale ha preso parte anche Leonardo Patroni Griffi, presidente dell'istituto di credito.

"Siamo felici di questa partnership con quello che diventa il nostro terzo sponsor di maglia (dopo Sorgesana e Dazn ndr) - ha esordito De Laurentiis -. È una realtà locale, questo fa onore alla Puglia. Qui ho scoperto tante realtà eccezionali. Sono contento che sulla nostra maglia ci siano sponsor nazionali e locali e questa è un'ulteriore conferma della credibilità che stiamo costruendo. Lavoriamo con l'ufficio marketing per creare percorsi di fidelizzazione, anche con la banca. Sarà un connubio che offrirà tanto anche ai tifosi".

Entusiasta anche Leonardo Patroni Griffi: "Per noi è prima di tutto una sfida - ha detto. Siamo entrambe realtà che sono su questo territorio ormai da un secolo. Abbiamo puntato su una famiglia di successo come i De Laurentiis che ha grande esperienza sia nel cinema sia nello sport. Abbiamo già iniziato a lavorare insieme dalla scorsa partita, faccio un grande un bocca al lupo alla squadra".


 

Stando a quanto affermato dal patron biancorosso, la Banca Popolare di Puglia e Basilicata potrebbe non essere l'ultimo sponsor a sposare il progetto del Bari: "C'è ancora uno spazio sulla maglia, ci stiamo lavorando. Il nostro motore non si ferma, nei primi 100 giorni c'è stata un'accelerazione, ma lavoriamo senza sosta per essere competitivi. Mi piacerebbe che fossimo i primi a fare cose diverse nonostante la categoria inferiore".

A De Laurentiis è stato chiesto anche dei programmi relativi agli interventi sullo stadio ma in attesa di un confronto col Comune ha preferito non sbilanciarsi: "Dateci tempo, nei piani futuri c'è tutto, non siamo qui per una toccata e fuga. Quello che facciamo qui ha valore a prescindere dalla categoria, c'è il nostro impegno imprenditoriale. Bari avrà tutto ciò che merita una città con una squadra importante. Mi aspetto che i miei giochino fino a fine campionato come fossero finali. Siamo sotto l'attenzione dei media nazionali, è bene dare il massimo. In linea coi programmi? Siamo addirittura più avanti di quello che pensavo"

Riportato su argomenti di campo, il presidente ha risposto anche su alcune domande inerenti la squadra: "Chiudere il campionato da imbattuti? A chi non piacerebbe?! Sarebbe un risultato eccezionale, la conferma di un gruppo costruito con grande personalità". Nessun accenno al mercato - nonostante le domande sul riscatto di Piovanello (intanto oggi è stato ufficializzato il giovane Quagliata ndr).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine una considerazione sull'eventuale ripescaggio tra i cadetti nell'eventualità di una Serie B di nuovo a 22 squadre: "Se il ritorno a palcoscenici più importanti avvenisse "step by step" sarebbe il percorso più naturale. Nel caso vi fosse questa possibilità, ad ogni modo, abbiamo le spalle sufficientemente larghe per fare salti più lunghi del previsto. Nel frattempo lavoriamo per solidifcare la nostra identità e la percezione del brand"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

  • Il sindaco Antonio Decaro ospite da Mara Venier a Domenica In: "A Bari solo 56 contagiati. Pugliesi bravissimi nella fase 1"

Torna su
BariToday è in caricamento