Della Vittoria al Bari calcio, Petruzzelli: "Troveremo soluzione per il Rugby"

L'assessore comunale allo Sport interviene sulla diatriba riguardante lo storico impianto. L'Fc Bari verso l'accordo su manutenzione ordinaria e straordinaria: "Non vogliamo mortificare la palla ovale" spiega, ma i rugbisti non ci stanno

Nessuno 'sfratto' ai rugbisti, ma la volontà, da parte del Comune, "di trovare una soluzione per non mortificare una società e uno sport", fermo restando l'imminente firma della convenzione tra Palazzo di Città per affidare alla Fc Bari la gestione e la manutenzione ordinaria e straordinaria anche dello Stadio Della Vittoria, assieme a quella del San Nicola.

 L'assessore comunale allo Sport, Pietro Petruzzelli, interviene per chiarire la polemica scoppiata tra l'amministrazione e le Tigri Bari, costrette a lasciare la vecchia arena per far spazio agli ambiziosi progetti del nuovo sodalizio calcistico biancorosso, pronto ad utilizzare lo storico impianto per ospitare le gare delle formazioni giovanili e alcune amichevoli della prima squadra: "Il Bari calcio - spiega Petruzzelli - ha offerto la possibilità di accollarsi spese di manutenzione straordinarie e ordinarie. Per noi è molto importante in un periodo in cui c'è difficoltà nel far quadrare i conti legati alle fasce più deboli della nostra città".

L'accordo, spiega Petruzzelli consentirà "di mantenere gli uffici del Coni e le strutture utilizzate dalle altre federazioni, come il taekwondo e le arti marziali. In futuro - inoltre - verrà allestito il museo della Moto. Il tutto, unito agli impianti vicini e alle Piscine Comunali, andrà a comporre una vera e propria cittadella dello sport". E la palla ovale? "Abbiamo incontrato la società - dice l'assessore - e da parte nostra c'è l' impegno a cercare una sede idonea, confermando il nostro sostegno alle belle e importanti iniziative che da anni svolgono nel sociale, aiutandoli a promuovere il movimento sportivo".

L'idea di trasferirsi al Bellavista, però, continua a generare scetticismo da parte del Rugby Bari: "Il campo - spiega in una nota la società - non è omologabile per diverse ragioni, prima fra tutte la sua pericolosità, in quanto, utilizzato dai lanciatori, è impraticabile. Quindi non è utilizzabile per le sue dimensioni (70 m invece di 100 in lunghezza, ndr) e in ultimo non illuminato". La società invita il Comune "a fare un passo indietro". Il dado però, nonostante un'importante mobilitazione sui social a favore della storica squadra di rugby, sembra oramai tratto, chiudendo, si spera non per sempre, un capitolo della storia rugbistica in città.

Guarda lo sport live e on-demand su DAZN
Comincia il tuo mese GRATIS!

Potrebbe interessarti

  • Cos'è la Malmignatta e cosa fare in caso di morso

  • ''U scazzecappetìte'': sapete cos'è?

  • Come tenere puliti e privi di germi e batteri i bidoncini della spazzatura

  • Forno a microonde, quali sono i reali rischi per la salute?

I più letti della settimana

  • Domatore ucciso dalle tigri, la titolare del circo: "Non è stato sbranato, ferita accidentale"

  • Punta la pistola contro universitari e pretende di parcheggiare: "Toglietevi da lì", paura per 3 ragazzi a San Pasquale

  • Il quartiere Libertà piange Fransua: cordoglio e messaggi di ricordo sui social

  • Da Giovinazzo a Fesca trasportata dal mare mosso: gabbia per l'allevamento pesci recuperata dalla Guardia Costiera

  • Si sottopone a operazione per dimagrire, madre 35enne muore dopo bendaggio gastrico alla clinica Mater Dei

  • In arrivo un'altra ondata di maltempo: allerta arancione per martedì, previsti temporali e grandine

Torna su
BariToday è in caricamento