A Trani nella gara di triathlon sprint conquistano il titolo regionale Alessia Bechi e Giacomo Susco del Cus Bari

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Nemmeno la giornata di caldo da bollino rosso ha fermato la forza e la determinazione della squadra ROSSA di Triathlon dei “cavallucci marini” CUS BARI che a Trani nella gara di triathlon sprint ha sbancato aggiudicandosi diversi podi. La cittadina del nord barese, è stata lo splendido scenario del circuito di gara dove centinaia di atleti si sono sfidati per il titolo di campione regionale nelle Gare Sprint e SuperSprint del Triathlon Trani Tommaso Assi 2019, gara nazionale che si è svolta sotto l'egida della Federazione Italiana Triathlon. Partenza da Piazza Marinai d'Italia ha preso il via la Gara Nazionale distanza Sprint su 750 m di mare calmo forza olio, nelle acque prospicienti la spiaggia di Colonna e della Baia del Pescatore, 20 km di bici su un percorso caratterizzato da alberi di ulivo che si è snodato da Colonna verso il lungomare e su Via Malcangi proseguendo sino al Ponte Lama e 5 km di corsa, effettuati passando dal Monastero, la pista ciclabile del lungomare e attraversando la villa comunale. Queste le distanze che gli atleti cussini hanno percorso conseguendo i seguenti risultati: Alessia Bechi I° posto assoluto per la cat.S1 femminile e quindi Campionessa e Regina del Triathlon Regionale; Podio e proclamazione Campione Regionale di categoria M1 anche per Giacomo Susco. Ad arricchire il bottino anche le premiazione di categoria per Roberto Mannese, studente universitario e “stella rossa “del CUS BARI, Francesco Veneziani, Morgese Chiara ed Ivano Antelmi. “Un evento che fa della dinamicità, della rapidità e dell’imprevedibilità la sua forza- è stato il commento di Ivano Antelmi, caposezione Triathlon CUS BARI, al termine della gara a chi gli ha chiesto: come definire il Triathlon con uno slogan? Ancora una volta il Mister abbraccia simbolicamente con grande orgoglio tutti i suoi “atleti tatuati” di rosso, dando appuntamento alla prossima gara, soprattutto a quei pochi che non hanno potuto assistere dal vivo e tifare i campioni Regionali del CUS BARI.

Torna su
BariToday è in caricamento