rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
BariToday

Assemblea generale dei lavoratori dell’ospedale generale regionale Miulli di Acquaviva delle Fonti

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

FP Cgil, Cisl FP, Uil FPL e FIALS scrivono al Direttore Sanitario dell’ Ospedale Miulli di Acquaviva delle Fonti e ai Direttori UOC e Responsabili UOSD. Nella nota inviata da Lonigro, Petrelli ,Centrone e Losacco si legge: “Acquisita la Vs. nota prot. 17004 del 18.11 u.s., con cui – nel comunicare ai Direttori di UU.OO.CC. l’indizione dell’Assemblea Generale di cui all’oggetto – codesto ente stabilisce unilateralmente un contingente di personale non inferiore al 75% del totale dei dipendenti in servizio, a quel momento, presso ciascuna unità operativa. Tale disposizione – che lascia francamente sconcertati – rappresenta una illegittima ed intollerabile limitazione, quasi fino al diniego, del diritto di assemblea. E’ illegittima poiché priva di fondamento legislativo o contrattuale, dal momento che né l’art. 20 dello Statuto dei Lavoratori, né l’art. 4 del CCNQ del 4.12.2017, né il CCNL della Sanità Pubblica prevedono la facoltà datoriale di limitare così profondamente il diritto di assemblea, consentendolo solo ad un quarto del personale. Non si comprende dunque il richiamo all’art. 4 comma 6 del citato CCNQ, dal momento che esso afferma la “continuità delle prestazioni indispensabili, secondo quanto stabilito dagli accordi di comparto o area”. Evidentemente non tutte le attività sono indispensabili, tanto che non si rinviene nessun accordo di comparto o di area che stabilisca una così profonda ed incomprensibile limitazione. L’intervento è anche intollerabile, perché trattasi di ingerenza non solo priva di rispetto per uno dei più rilevanti diritti dei lavoratori (alla partecipazione) e delle OO.SS. (allo svolgimento della propria attività sindacale), ma anche del tutto immotivata da concrete esigenze organizzative e di funzionamento dei servizi, e soprattutto finalizzata a vanificare l’iniziativa, e pertanto il ruolo, del Sindacato. La disposizione, in definitiva, rappresenta una delle più classiche e clamorose tra le condotte antisindacali, dal momento che di fatto impedisce lo svolgimento dell’Assemblea regolarmente indetta, per cui Vi invitiamo e diffidiamo a revocarla ad horas, con espresso avvertimento che, in mancanza di riscontro, saremo costretti a rivolgerci all’Autorità Giudiziaria per l’accertamento della condotta antisindacale denunciata.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assemblea generale dei lavoratori dell’ospedale generale regionale Miulli di Acquaviva delle Fonti

BariToday è in caricamento