rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Attualità Acquaviva delle Fonti

In viaggio da Acquaviva per consegnare aiuti umanitari e portare in salvo 34 profughi ucraini: "Pronti ad accoglierli"

A compiere la missione solidale vicesindaco e consigliere comunale della cittadina barese: i cittadini ucraini, spiega il sindaco Carlucci, saranno accolti in abitazioni private tra Monopoli, Acquaviva e Bari

In viaggio da Acquaviva per portare aiuti ai profughi in fuga dall'Ucraina e condurne 34 in Puglia, dove saranno accolti in abitazioni private, tra lo stesso centro, Monopoli e Bari. A portare a compimento la missione solidale saranno il vicesindaco di Acquaviva, Franco Chimienti, e il consigliere comunale Beppe Di Vietri, partiti questa mattina.

A darne notizia su Fb è il sindaco Davide Carlucci. "Siamo da giorni impegnati in questa attività di solidarietà - spiega il primo cittadino - su iniziativa del nostro grande tenore Dario Di Vietri e dal maestro Elio Orciuolo, direttore dell'orchestra Erasmus. E siamo in contatto anche con Tonio Giordano ed Ernesto Selvaggi, partiti da Rutigliano già giorni fa con un pulmino per un'altra iniziativa umanitaria. Ringraziamo la Prefettura, con la quale siamo in stretto contatto quotidiano. Grazie anche a tutte le realtà di volontariato e ai cittadini che stanno dimostrando grande disponibilità. Per sostenere questi progetti di accoglienza abbiamo aperto in via straordinaria le porte del nostro teatro comunale, che ospiterà l'orchestra di Kiev". 

"La musica può darci una grande mano a sostenere la sofferenza di un popolo che in questo momento sta dimostrando il suo grande eroismo. Il nostro intento è di lanciare un grande messaggio di pace, rivolto anche a tutti i russi che si oppongono alla guerra voluta dal dittatore Putin e ai quali mandiamo un abbraccio immenso.  Come ha detto il nostro vescovo Giovanni Ricchiuti, presidente di Pax Christi, la diplomazia internazionale, e l'Italia in prima fila, devono fare il massimo sforzo di mediazione cercando di fermare l'escalation. Pace e solidarietà prima di tutto", conclude Carlucci.

(foto Fb Davide Carlucci)


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In viaggio da Acquaviva per consegnare aiuti umanitari e portare in salvo 34 profughi ucraini: "Pronti ad accoglierli"

BariToday è in caricamento