Da 'Cerino' al 'Cantante di via Sparano': National Geographic celebra le leggende di Bari

La rivista di viaggi ha dedicato ieri un articolo ai tanti personaggi che animano la quotidianità del capoluogo e della provincia, raccontandone anche la vita privata

Una delle foto dell'articolo (Fonte National Geographic, foto di Reed Young)

Sessanta foto per raccontare 'The legends of Bari', le leggende della città, da personaggi di straordinaria identità che ormai abbiamo imparato a conoscere fino ai talenti che sono riusciti a distinguersi. A celebrarli, la rivista National Geographic, con un servizio di 17 foto in cui si indaga anche al di là del personaggio che siamo abituati a conoscere, descrivendone la vita privata che spesso ignoriamo: Cerino, Vito Guerra, il mago Cho Cho, Maria delle Sgagliozze ed Elisabetta De Liso, figlia della prima stilista barese.

Come avviene per Rinaldo, il cantante di via Sparano, che racconta agli autori del pezzo di sopravvivere grazie alla pensione della madre, "che spero viva finché non andrò io in pensione" ricorda. O per 'Maria delle sgagliozze', che dal 1950 frigge le sue delizie di fronte alla sua abitazione "e ne vende almeno 40 al giorno - si legge nell'articolo - per un totale di quasi un milione finora. Il progetto è a firma del fotografo Reed Young e dell'art director Antonio Piccirilli, con testi a firma della creative director Giulia Barcaro, è stato anche postato dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. "Un dossier cartografico, antropologico, etnografico" lo definiscono gli autori .

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non solo le icone, ma anche altri personaggi baresi - naturali o acquisiti - che con i loro talenti hanno reso grande la città. Come il professor Vittorio Marzi, che ha fatto crescere 350 diverse varietà di rose nel giardino alle spalle di Villa La Rocca, struttura risalente al 19esimo secolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccio De Santis positivo al coronavirus, annullato spettacolo in Svizzera: "Sono forte, ci vediamo presto"

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

  • I nomi del nuovo Consiglio regionale: la ripartizione dei seggi, ecco chi siederà in via Gentile

  • Comunali 2020 in provincia di Bari, al via lo spoglio | I risultati in diretta

  • Raffaele Fitto positivo al Covid-19 con la moglie, l'annuncio: "Tampone dopo contagio di uno stretto collaboratore"

  • Il Coronavirus fa ancora paura nella provincia: un decesso a Polignano, crescono i contagi a Noicattaro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento