rotate-mobile
Attualità Murat / Via Scipione Crisanzio

"Riaprire la sede Asl di via Crisanzio al Libertà", raccolte 400 firme in due giorni

L'iniziativa è stata ideata dalla Lega: "Migliaia di baresi, di fatto privati della possibilità di usufruire di visite ambulatoriali ed esami specialistici senza dover ricorrere a costosi professionisti privati”

Sono più di 400 le firme raccolte, in meno due di giorni, tra i cittadini del quartiere Libertà di Bari, per chiedere la riapertura della sede dell'Asl di via Crisanzio. L'iniziativa è stata ideata dalla Lega: "Un successo - spiega il segretario cittadino barese del Carroccio e vice presidente del Consiglio comunale, Fabio Romito - che testimonia le difficoltà in cui vivono decine di migliaia di baresi, di fatto privati della possibilità di usufruire di visite ambulatoriali ed esami specialistici senza dover ricorrere a costosi professionisti privati”.

“La sanità di prossimità, cancellata da Michele Emiliano e Nichi Vendola - dice Romito -, è l’unica risposta a bisogni sempre più impellenti della popolazione che invecchia senza poter godere di servizi adeguati. File interminabili, liste d’attesa lunghe mesi, disservizi di ogni genere. È una vergogna.” Anche Francesco Manzari, consigliere del Municipio I per la Lega esprime la sua soddisfazione per l'iniziativa: “i cittadini del Libertà meritano pari diritti dei loro concittadini più ricchi di via Sparano o Via Argiro: noi difenderemo i loro diritti ogni singolo giorno del nostro mandato”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Riaprire la sede Asl di via Crisanzio al Libertà", raccolte 400 firme in due giorni

BariToday è in caricamento