Attualità

41 anni dall'assassinio di Aldo Moro, Decaro: "Ferita ancora profonda"

Cerimonia davanti alla targa di marmo sulla facciata del Teatro Piccinni per ricordare lo statista pugliese ucciso il 9 maggio del '78 dopo essere stato rapito dalle Brigate Rosse

Ricorre oggi il 41° anniversario della scomparsa del presidente della Dc Aldo Moro, trucidato il 9 maggio 1978 per mano delle Brigate rosse dopo essere stato rapito e tenuto in ostaggio.

In mattinata il sindaco di Bari Antonio Decaro, insieme al prefetto Marilisa Magno, al questore Giuseppe Bisogno e alle autorità militari, ha preso parte alla cerimonia di commemorazione, davanti alla targa di marmo, posizionata nel 2008 sulla facciata del Teatro Piccinni, sulla quale sono ricordati anche i nomi degli agenti della scorta che persero la vita al suo fianco.

"Ringrazio la Federazione dei Centri Studi su Aldo Moro - ha commentato il primo cittadino - che ci accompagna ogni anno nell’organizzazione delle celebrazioni, per essere qui oggi, nella giornata dedicata al ricordo delle vittime del terrorismo, ma più di tutti al ricordo di Aldo Moro. Uno statista di grande levatura, un cultore del diritto, un servitore dello Stato, un cittadino per bene che ha lasciato al nostro Paese un patrimonio immenso. A 41 anni di distanza da quel tragico evento, il rapimento e l’assassinio prima degli uomini della sua scorta e poi del Presidente Moro rappresentano una ferita ancora troppo profonda per tutti noi. Soprattutto per tutti coloro che credono fermamente nei valori della giustizia, della democrazia e della libertà. Quel giorno l’Italia ha perso uno degli esponenti politici e istituzionali più intelligenti, lungimiranti, umani e sensibili ai grandi cambiamenti sociali e culturali in atto. Uomo di mediazione per eccellenza, capace sia di ascoltare il singolo cittadino, sia di interpretare le grandi istanze di un popolo, Aldo Moro ci ha insegnato che la politica deve avere come obiettivo, primo e ultimo, il bene comune. L'auspicio che sento di condividere è che questo grande pugliese, che oggi ricordiamo con immutata gratitudine, resti sempre un esempio per tutti noi e per i nostri figli"

Scoperto il ritratto di Nicola Lamaddalena

In giornata è stato anche scoperto il ritratto dell'ex sindaco di Bari, Nicola Lamaddalena, durante una cerimonia nella sala consiliare Enrico Dalfino, a Palazzo di città. Non è un caso che l'evento si sia tenuto nella stessa giornata dedicata alle celebrazioni di Aldo Moro: il ritratto è difatti "un riconoscimento - spiegano dal Comune - a un sindaco che ha condiviso non solo i valori e le idee di Aldo Moro ma soprattutto il suo modo sobrio di fare politica, moderato e sempre aperto al confronto". All'evento hanno preso parte anche l'attuale sindaco, Antonio Decaro, e i familiari del compianto Lamaddalena.

IMG_6916-2

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

41 anni dall'assassinio di Aldo Moro, Decaro: "Ferita ancora profonda"

BariToday è in caricamento