Decaro all'assemblea Anci: "Spirito di marzo, oppure la nuova ondata covid sarà uno tsunami"

Il sindaco di Bari e presidente dell'associazione nazionale Comuni è intervenuto nel corso della kermesse annuale, per la prima volta in forma parzialmente virtuale a causa della pandemia

"Lo spirito con cui il nostro Paese ha affrontato la prima fase di questa pandemia deve tornare a essere la guida delle nostre azioni in questo tempo. Un tempo così drammatico che rischia di trasformare questa seconda ondata del virus in un vero e proprio tsunami": è quanto ha affermato il sindaco di Bari e presidente dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani, Antonio Decaro, nel corso dell'assemblea annuale svoltasi 'a distanza' per le limitazioni legate alla pandemia covid.

All'appuntamento hanno preso parte, in videocollegamento, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il presidente della Camera, Roberto Fico. e numerosi sindaci d'Italia. Decaro è invece intervenuto in un auditorium a Roma assieme al sindaco della Capitale, Virginia Raggi, e al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

Ed è proprio il Capo dello Stato a lanciare un appello all'unità in un periodo così complicato, sia da parte dei cittadini che delle istituzioni. Le difficoltà "hanno provocato incomprensioni - ha detto il Presidente - che talvolta hanno reso ruvide le relazioni tra i diversi livelli di governo. Il principio di leale collaborazione istituzionale, che i Comuni conoscono bene e praticano -a partire dalla stessa Anci- resta la direttrice su cui ricostruire costantemente le linee efficaci per superare la crisi in atto, rifuggendo dalla tentazione di lasciare ad altri le responsabilità delle decisioni più difficili. La cooperazione e l'assunzione di responsabilità -ha proseguito il Capo dello Stato- sono apprezzate dai cittadini e generano fiducia, perché tutti sanno che una partita come questa si vince solo insieme e nessuno può pretendere di avere ragione da solo".

Decaro ha rinnovato l'appello del Presidente della Repubblica: "Spesso sembriamo tutti come Penelope, perchè - aggiunge - nel continuo gioco di rimpalli e scaricabarile, cio' che di giorno a fatica riusciamo a costruire, di notte ci affrettiamo a demolire". Lo dice il presidente dell'Anci, Antonio Decaro, all'assemblea dei sindaci. Così la nostra irresponsabilita' e i nostri egoismi, i nostri tatticismi, le nostre polemiche, la nostra ossessiva ricerca di un effimero consenso, demoliscono gli sforzi e il lavoro che si compiono negli ospedali, nei laboratori di ricerca, nelle case e nelle vite di quelle persone che da febbraio scorso sono chiamate a rinunce e sacrifici

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il van di Borghese sbarca a Bari: lo chef premia il miglior ristorante di crudo di mare

  • "Qui il crudo di mare è una vera favola", Alessandro Borghese e la sfida di '4 Ristoranti' a Bari: il migliore? E' a Santo Spirito

  • Arriva il freddo russo, temperature in picchiata anche in Puglia: rischio neve a quote basse

  • Ultimo giorno di zona gialla, da domani la Puglia torna in arancione: cambiano regole e divieti

  • Scuola in Puglia, c'è l'ordinanza di Emiliano: superiori in Ddi per un'altra settimana, per elementari e medie resta la scelta alle famiglie

  • Nuovo Dpcm in arrivo: ecco regole e restrizioni, cosa cambia dal 16 gennaio. Puglia verso l'arancione

Torna su
BariToday è in caricamento