rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Attualità

Assistenza specialistica per bimbi autistici e con bisogni speciali: servizio attivo nei nidi comunali e nelle scuole elementari e medie baresi

Le attività, partite lo scorso 7 gennaio, sono gestite da un gruppo di cooperative sociali e riguardano anche scuole elementari e medie

E' attivo dallo scorso 7 gennaio negli asili comunali e nelle scuole primarie e secondarie di primo grado di Bari ol servizio di assistenza specialistica per gli alunni autistici, con disturbi dell'apprendimento e con altre patologie.  

Le attività - come rende noto l'assessore alle Politiche educative, Paola Romano - sono gestite da una compagine di cooperative sociali di Bari con esperienza pluriennale nei servizi destinati a bambini con disabilità, composta da Occupazione e Solidarietà (capofila) e dalle cooperative Servizi multipli integrati, Aliante e Itaca. Tutte le attività sono pianificate e concordate con lo staff messo a disposizione dall’assessorato comunale alle Politiche educative e giovanili.

All’inizio del servizio, è stato siglato un accordo sindacale sottoscritto dalle sigle più rappresentative dei lavoratori, al fine di garantire la continuità lavorativa a 203 educatori e la continuità didattica a 992 bambini. L’appalto di durata biennale, consistente in due lotti distinti, prevede 186.240 ore di attività educative e didattiche rivolte a bambini con disturbi dello spettro autistico e del comportamento e 86.904 ore di attività educative e didattiche destinate a bambini con altre forme di disabilità.

“L’assistenza specialistica - commenta Paola Romano - rappresenta un servizio fondamentale in ambito scolastico, a maggior ragione in questo tempo segnato dalle difficoltà legate alla pandemia, e viene garantita a tutti gli alunni che necessitano di un supporto qualificato sia in presenza sia a distanza, con sessioni online dedicate. Nella programmazione del servizio grande attenzione è riservata alla qualità della relazione educativa, assicurata dalla continuità lavorativa degli educatori impegnati in questo biennio con quasi mille bambini, dai più piccoli a quelli che frequentano le scuole medie, che presentano difficoltà cognitive e disturbi dell’apprendimento di varia tipologia. Un numero in crescita costante negli ultimi anni in tutto il Paese, che ci ha portati a riservare risorse ingenti per questo servizio, con 800mila euro all’anno in più rispetto al precedente appalto che abbiamo impegnato grazie all’utilizzo dei fondi del PAC, per un importo totale di 6 milioni 600mila euro per il biennio 2021-2022.

Una novità importante è rappresentata poi dal coordinamento delle attività, affidato a cinque educatori professionali che non solo diventeranno punti di riferimento per le famiglie degli alunni coinvolti ma ci consentiranno anche di monitorare e implementare in modo uniforme il servizio sull’intero territorio comunale. Nel corso del biennio anche l’aggiornamento professionale sarà oggetto di grande attenzione in favore di tutti gli educatori impegnati, con sessioni formative sulle più recenti tecniche di intervento educativo per i minori con spettro autistico, disturbi del neurosviluppo e disabilità cognitive”.

Il nuovo servizio di assistenza specialistica offre una serie di elementi migliorativi, fra cui in particolare: il potenziamento e l’esperienza nelle funzioni di pianificazione, monitoraggio ed esecuzione del servizio: la compagine, infatti, ha messo a disposizione 3 coordinatori esperti (con curriculum anche ventennali) per 108 ore settimanali per il primo lotto e 2 coordinatori qualificati per 55 ore settimanali per il secondo lotto; il partenariato con l’Università degli Studi Aldo Moro, l’istituto per la Ricerca e l’innovazione Biomedica C.N.R. con sede a Messina e il Centro di Neuropsichiatria Infantile, a garanzia della possibilità di un’ampia offerta formativa, oltre che di un aggiornamento continuo sulle tematiche riguardanti l’autismo, in particolare, e la disabilità, in generale, diretto a tutti gli educatori del servizio, attraverso un piano annuale strutturato con il dipartimento di Scienze dell’educazione di Uniba e il C.N.R. di Messina; il supporto informatico che permette in tempo reale, all’amministrazione comunale e al coordinamento, di seguire da remoto il lavoro di tutti gli educatori nelle scuole e di tutta la produzione di elaborati relativi ai bambini seguiti; tale supporto è gestito attraverso un’app realizzata da Medilink srl in base alle indicazioni operative della cooperativa sociale Occupazione e Solidarietà.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assistenza specialistica per bimbi autistici e con bisogni speciali: servizio attivo nei nidi comunali e nelle scuole elementari e medie baresi

BariToday è in caricamento