Attualità Catino - San Pio

Lo sport che supera ogni barriera: a San Pio si conclude il percorso sportivo dedicato ai disabili

Gare di atletica leggera, di tiro con l'arco e di danza sportiva sono solo alcune delle discipline a cui sono stati avviati i 600 studenti pugliesi che hanno preso parte al programma 'Sport per tutti'. Testimonial due atleti paralimpici

Gare di atletica leggera e di tiro con l'arco, sul campo e sulla pista di atletica, competizioni di danza sportiva e parabadminton. Sono solo alcune delle discipline a cui sono stati avvicinati oltre mezzo migliaio di persone, tra studenti disabili, docenti e accompagnatori pugliesi nell'ambito della 'Festa dello sport', l'iniziativa organizzata a Enziteto che ha concluso il progetto 'Sport per tutti'.

Sport per tutti

Il progetto ha coinvolto durante le attività scolastiche, con la collaborazione delle associazioni sportive - FiSDIR (Federazione italiana sport paralitici degli intellettivo relazionali), FISPES (Federazione italiana sport paralimpici e sperimentali), FINP (Federazione italiana nuoto paralimpico) e FISO (Federazione italiana sport orientamento) - circa 600 bambini e ragazzi con disabilità di 100 scuole su tutto il territorio pugliese.

A fare da testimonial per l'iniziativa sono stati Giuseppe Catarinella, ambasciatore dello Sport Paralimpico e atleta della Nazionale di Calcio a 5 Ciechi, e Pietro Rosario Suma, campione nazionale di parabadminton e atleta del Gruppo Paralimpico della Difesa. Il progetto includeva anche una serie di attività di ricerca, studio e formazione - in collaborazione con Cip Puglia e le Università di Bari e Foggia -  per la promozione di stili di vita fisicamente attivi destinati alle popolazioni speciali in età evolutiva, sulle metodologie dell'insegnamento delle attività motorie adattate e sul monitoraggio e la valutazione delle attività motorie adattate in età evolutiva.

La festa dello sport a Enziteto

All'evento di fine progetto ha partecipato anche l'assessore regionale allo Sport per Tutti, Raffaele Piemontese, che ha assistito alle performance sportive dei 400 alunni con disabilità intervenuti. “Una grande esperienza e testimonianza di come lo sport può concretamente cambiare in meglio la vita delle persone: tutte, a prescindere dalle condizioni e dalle abilità fisiche” ha ricordato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Con il Comitato Paralimpico e l’Ufficio Scolastico Regionale siamo riusciti a dimostrare cosa è possibile e cosa è bello fare, direttamente con gli studenti che hanno gareggiato e indirettamente con tutti quelli che hanno osservato questa esperienza” ha poi concluso, ringraziando le autorità intervenute.

ringraziando il presidente del CIP Puglia, Giuseppe Pinto, e Giuseppina

Lotito, dirigente dell’Ufficio scolastico di Bari, in rappresentanza

dell’USR.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo sport che supera ogni barriera: a San Pio si conclude il percorso sportivo dedicato ai disabili

BariToday è in caricamento