rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Attualità

Bullismo, dipendenze e discriminazione sessuali: 120mila euro per i progetti dedicati ai minori

In pubblicazione sul sito del Comune di Bari l'avviso per i finanziamenti destinati alle associazioni del terzo settore con iniziative di contrasto

È in pubblicazione sul sito del Comune di Bari il bando per finanziare progetti del Terzo settore per la realizzazione di interventi di prevenzione e contrasto delle povertà educative e relazionali dei minori della città. A comunicarlo è l'assessora al Welfare Francesca Bottalico: sono tre le aree tematiche di interesse per gli interventi, ovvero prevenzione e contrasto dei fenomeni di bullismo e cyberbullismo; prevenzione e contrasto delle dipendenze patologiche in età evolutiva; prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi legati al sesso, all’orientamento sessuale e all’identità di genere.

Ad esempio, le proposte progettuali potranno prevedere l’organizzazione e gestione di sportelli o spazi (fisici o virtuali) di ascolto psicologico, oppure di attività laboratoriali e/o divulgative inerenti all’area tematica cui afferisce la proposta progettuale, o ancora di biblioteche o di altri spazi di aggregazione sociale e di interscambio culturale, dedicati all’area tematica individuata.

“L’emergenza sanitaria ha contribuito in maniera sensibile alla crescita esponenziale delle povertà materiali, educative e psico-sociali incidendo in maniera preoccupante sulla salute mentale degli adolescenti e dei bambini - commenta Francesca Bottalico -. L’allontanamento dalla scuola e dai compagni, dalla rete amicale, dalle attività ricreative sociali, sportive e culturali e il periodo di lungo isolamento li hanno infatti privati delle condizioni necessarie per una crescita equilibrata con effetti negativi sul loro benessere: sono aumentate le richieste di aiuto e le segnalazioni da parte degli stessi ragazzi, delle famiglie e degli educatori come pure i casi di adolescenti isolati, rinchiusi in se stessi, vittime di violenza e bullismo, gli episodi  di autolesionismo, ansia e depressione. Per questi motivi abbiamo scelto di investire ulteriormente, in modo da consolidare il sistema di interventi e gli spazi di ascolto e sostegno, e oggi pubblichiamo questo bando per la realizzazione di nuovi percorsi di contrasto al bullismo e al cyberbullismo, all’omolesbofobia, all’abuso di sostanze psicotrope e alcool, con l’obiettivo di contrastare le povertà educative, promuovere l’educazione all’affettività e il supporto all’identità sessuale. Progettualità che saranno realizzate a partire dalle proposte territoriali formulate da quanti -volontariato, istituzioni, e privato sociale - lavorano quotidianamente sulla promozione del benessere degli adolescenti e delle loro famiglie. Solo costruendo alleanze territoriali tra scuola, ragazzi, famiglie, territorio e istituzioni e sviluppando sistemi e spazi di prevenzione, ascolto, tutela e accompagnamento di prossimità potremo offrire riferimenti importanti affinché nessun adolescente, bambino e giovane si senta solo e possa costruire liberamente il proprio futuro”.

La disponibilità finanziaria complessiva è pari a 120mila euro: l’importo del contributo richiesto per la singola proposta progettuale non potrà essere inferiore a 40mila euro.

La domanda di partecipazione, completa della documentazione richiesta dal bando, dovrà essere inviata via pec all’indirizzo minoriefamiglie.comunebari@pec.rupar.puglia.it con il seguente oggetto: Avviso pubblico per interventi di prevenzione e contrasto delle povertà educative e relazionali - domanda di partecipazione entro le ore 12 del prossimo 13 dicembre.

Per eventuali chiarimenti è possibile rivolgersi alla dott.ssa Silvia Masellis, P.O.S. Attuazione politiche sociali Minori e Famiglie, e-mail: s.masellis@comune.bari.it tel. 080 5773929.

Al termine della procedura di gara, sarà nominata un’apposita commissione incaricata di valutare le proposte e di redigere la graduatoria finale del bando in base a i seguenti criteri: conformità della proposta progettuale alle finalità dell’avviso pubblico max 10 punti

·        qualità della proposta progettuale - ampiezza del target; numero e professionalità delle risorse umane coinvolte; ampiezza della rete di collaborazione territoriale attivata; metodologie e strumenti di valutazione previsti; capacità di valorizzazione di spazi e luoghi pubblici; interventi di promozione e comunicazione previsti - max 15 punti

·        grado di innovazione della proposta progettuale - capacità di fornire risposte nuove ai bisogni dei cittadini rispetto al sistema dei servizi e dei progetti già attivi sul territorio; grado di integrazione tra aree d’intervento e target di utenti; metodologie e strumenti di intervento sperimentali - max 15 punti

·        follow up - impatto sociale dell’intervento in termini di ipotesi di continuità, sostenibilità nel tempo, miglioramento dell’accessibilità di spazi e luoghi -  max 15 punti

·        cofinanziamento previsto  da parte dell’ente proponente alla realizzazione della proposta progettuale - max 5 punti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bullismo, dipendenze e discriminazione sessuali: 120mila euro per i progetti dedicati ai minori

BariToday è in caricamento