rotate-mobile
Attualità

Oltre cinquemila per il Bari Pride, in centro sfila la parata arcobaleno: "Contro la violenza, per i diritti"

Il lungo corteo si è snodato da piazza Umberto per raggiungere parco Perotti. Il sindaco Decaro: "Vorrei una città in cui ognuno si senta libero di essere quello che è e di amare chi vuole"

Bandiere arcobaleno dipinte sul volto, sventolate nell'aria o 'indossate' attraverso spillette, cappelli e ghirlande. Cartelloni colorati, tra slogan e provocazioni, per inneggiare alla parità dei diritti e al rispetto, contro ogni forma di pregiudizio. Oltre 5mila persone hanno preso parte questo pomeriggio al 'Bari Pride', la manifestazione contro i pregiudizi a sostegno della comunità Lgbtqi. Il lungo serpentone colorato è partito da piazza Umberto, per raggiungere parco Perotti.

Bari Pride 2019: le immagini dal corteo

Una data, quella del Pride barese, che coincide con il 50° anniversario dei 'Moti di Stonewall', che nel giugno 1969 a New York diedero inizio alla 'ribellione' da cui è poi ha mosso i primi passi, in tutto il mondo, il movimento Lgbtqi. Madrina della manifestazione, che ha come simbolo un grande polpo arcobaleno - omaggio alla baresità - Porpora Marcasciano, presidente onoraria del Mit (Movimento identità trans). "Stiamo partendo in tutto il mondo contro la violenza e i fascismi che lo stanno attanagliando. E oggi nel Pride 2019 - ha detto Marcasciano - a 50 anni dalla rivolta che ci ha reso liberi è più che importante, è fondamentale. Risvegliamo le coscienze, le intelligenze, la creatività".

Alla manifestazione hanno preso parte il sindaco di Bari e presidente Anci, Antonio Decaro, e alcuni assessori comunali, e la consigliera Titti De Simone per la Regione Puglia."Vorrei che Bari fosse la città dei diritti - ha commentato su Fb il sindaco Decaro - Una città in cui ognuno si senta libero di essere quello che è e di amare chi vuole. Una città in cui tutti rispettano tutti. Credo questo sia il regalo più bello che possiamo fare a Bari. La festa di oggi, colorata, gioiosa, pacifica è la dimostrazione di come si può stare insieme lanciando un messaggio positivo a tutti. Un messaggio di uguaglianza e libertà. Io sono qui per testimoniare la mia vicinanza a chi ancora oggi si sente discriminato. L'ho detto quando sono stato eletto. Sarò il sindaco soprattutto di chi non vede tutelati i propri diritti".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre cinquemila per il Bari Pride, in centro sfila la parata arcobaleno: "Contro la violenza, per i diritti"

BariToday è in caricamento