rotate-mobile
Attualità

In piazza Cesare Battisti il sit-in di solidarietà ai palestinesi: "Italia chieda tregua per far entrare aiuti umanitari a Gaza"

La manifestazione promossa da Cambiare rotta e Osa (organizzazione studentesca alternativa) cui hanno aderito Potere al Popolo, Cobas e USB: "C'è il rischio che due milioni e mezzo di persone muoiano disidratate"

Dalle voci di piazza Diaz a quelle di piazza Cesare Battisti. Sono state due, queto pomeriggio a Bari, le manifestazioni legate all'attuale conflitto tra Israele e Hamas. Se sul lungomare le associazioni si sono riunite per invocare "l'immediato intervento della comunità internazionale e la fine delle ostilità tra Israele e Palestina", piazza Cesare Battisti ha ospitato il presidio di solidarietà con la resistenza del popolo palestinese promosso da Cambiare Rotta e Osa (organizzazione studentesca alternativa) cui hanno aderito Potere al Popolo, Cobas e USB. Circa trecento i partecipanti.

"C'è il rischio che due milioni e mezzo di persone muoiano disidratati. Senza acqua. Tutti lo stanno chiedendo. Quando togli le basi per vivere, l'acqua, il cibo, le medicine, l'ospedale, allora muori. L'Italia deve chiedere una tregua di 6 ore per far entrare aiuti umanitari a Gaza. Altrimenti non siamo una democrazia", ha detto, come riporta l'Adnkronos, Taysir Hasan, storico esponente della comunità palestinese a Bari. "Siamo nel 2023 e siamo peggio di prima", ha aggiunto. "Ci sono i check-point come prima, c'è il muro che prima non c'era, le città sono circondate. Hanno separato. In Cisgiordania Israele può fare quello che vuole. Per andare a vendere i pomodori al mercato, devi avere il permesso degli israeliani. Non è vita, i palestinesi sono stati lasciati soli". "Se nessuno aiuta a proteggerlo, il popolo palestinese deve difendersi. Sono una persona pacifica, contro la violenza, non sono d'accordo con Hamas. Però non si può chiedere a un palestinese a cui hanno ucciso il padre, distrutto la casa, imprigionato il fratello di aspettare che qualcuno dica 'basta' a Israele", ha detto ancora parlando con i cronisti Hasan, come riporta sempre l'agenzia di stampa.

I manifestanti, dopo una trattativa con la Digos e la Questura finalizzata allo svolgimento di un corteo, si sono spostati lungo i marciapiedi verso il lungomare. Il corteo, dopo via De Rossi, è terminato in corso Vittorio Emanuele lato piazza Garibaldi. La manifestazione si è svolta senza momenti di tensione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In piazza Cesare Battisti il sit-in di solidarietà ai palestinesi: "Italia chieda tregua per far entrare aiuti umanitari a Gaza"

BariToday è in caricamento