Domenica, 26 Settembre 2021
Attualità

Nuovo direttivo Link: "Green pass se c'è il diritto allo studio e partecipazione allo sviluppo della città"

Il coordinatore Gennaro Cifinelli spiega quali siano gli obiettivi che si pone il sindacato studentesco per la comunità degli iscritti alle due Università e per un loro ruolo nel ripensare la Bari del futuro

Adeguamento dei piani di studio alle esigenze degli studenti. Più spazio per le loro conoscenze e bisogni nel dibattitto sul come ripensare Bari città universitaria e perché si arrivi a uno sviluppo sociale e de economico della stessa con gli studenti. Accesso al welfare universitario garantito a tutti, con servizi inglobati all’interno del tessuto sociale del territorio. Il sindacato studentesco LinkBari ha rinnovato il suo direttivo. Il nuovo coordinatore è Gennaro Cifinelli, studente di giurisprudenza.

“Nella fase congressuale – spiega – abbiamo affrontato il tema della didattica e il macro tema de welfare studentesco, su cui ci vorremmo concentrare nei prossimi mesi. Per quanto riguarda il primo aspetto abbiam ribadito come vorremmo che si superasse superare la dicotomia tra didattica in presenza e a distanza, Vorremmo che ci si soffermasse più sulle modalità, sulla modifica del modello di didattica e dei piani di studio, affinché si possano adeguare ai bisogni degli studenti, attraverso un legame più stretto col territorio e il  rafforzamento della terza missione dell’università per riuscire finalmente ad avere ruolo nella programmazione delle politiche di sviluppo della città. Noi studenti – aggiunge-  possiamo mettere a disposizione dei saperi, far emergere i bisogni della comunità studentesca e per modificare il tessuto sociale del territorio. La conoscenza, appunto, messa a disposizione del rinnovamento del contesto economico e sociale della città e del territorio”.

Cifinelli sottolinea ancora una volta, nel giorno delle prime prove di accesso ai corsi della facoltà di Professioni infermieristiche, la contrarietà di Link al numero chiuso. “Non sé uno strumento utile per la didattica e l’esperienza del singolo, non risponde a bisogni della società, come abbiamo visto con la pandemia”. Link immagina poi un rapporto differente, ribaltato, tra università e studenti e mondo del lavoro, con i primi al centro. “Vorremmo un piano di studi – aggiunge -  con contenuti che siano più vicini a questioni pratiche, con più contaminazione tra Università e mondo del lavoro, invertendo rapporto, per rinnovare il tessuto economico del territorio e per dare futuro e opportunità di crescita economica e sociale agli studenti all’interno del territorio barese”.

Sul Green pass il sindacato sottolinea come sia uno strumento utile anche per l’accesso alle elezioni, purché sia garantito il diritto allo studio a chi il vaccino non se l’è potuto fare per motivi di salute, senza che si creino conflitti tra i due diritti. “La didattica digitale – sottolinea – può in questo caso essere uno strumento di supporto utile e prezioso”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo direttivo Link: "Green pass se c'è il diritto allo studio e partecipazione allo sviluppo della città"

BariToday è in caricamento