rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Attualità Modugno

"A breve le prime assunzioni, nel 2022 le produzioni": il manager di Selectika spiega l'investimento nell'ex Om

Dopo la consegna del capannone da parte del Comune di Modugno l'amministratore unico Dalena fa il punto sulla riconversione del sito: "È il nostro sogno". Il sindaco Bonasia: "Siamo fiduciosi"

“Lo chiamo il nostro sogno Selectika, perché a 61 anni e con 30 di questo lavoro alle spalle non potrà che essere uno degli ultimi investimenti che seguirò e a cui tengo particolarmente”. Giuseppe Dalena è l’amministratore unico della Spa che ha rilevato in fitto dal Comune di Modugno il capannone dell’ex fabbrica Om Carrelli. È lì che la società a capitale partecipato, tra Dalena ecologia e la Caton Pack di Rutigliano dell’imprenditore Giovanni Leone, nascerà l’impianto di selezione dei materiali per il riciclaggio e il riuso. Prima il vetro, poi plastica e metalli. Un percorso che a marzo del 2022 vedrà la partenza del primo impianto per la selezione del vetro ed entro il secondo semestre  del 2023 il completamento della fabbrica che assumerà 128 degli ex lavoratori della ex Om, il tutto per un investimento iniziale di 20 milioni di euro. Il passo fondamentale è stata la consegna dell’immobile.

“Finalmente siamo arrivati a questa consegna – spiega Dalena, manager con alle spalle esperienze nel Nord Italia ma originario di Putignano – per dare dignità a quell’edificio, a un’architettura industriale di un certo pregio. Ci tenevamo a questo dopo averlo visto barbarizzato, abbiamo già cambiato le chiavi e messo le nuove serrature. Negli ultimi mesi avevamo messo a nostre spese un servizio di vigilanza esterna a nostre spese, con la consegna dell’immobile accelereremo questo processo grazie all’assunzione nelle prossime settimane dei primi quattro lavoratori che, dopo la formazione, si occuperanno della vigilanza interna e del servizio di guardiania del loro stabilimento, un pezzo di storia che vanali e ladri stavano per distruggere”.

Una struttura abbandonata di fatto da quasi dieci anni dopo che la multinazionale tedesca Kion decise per la dismissione del sito della zona industriale barese. La vertenza per gli allora 250  lavoratori Om si aprì in maniera drammatica e, dopo una serie di tentativi di reindustrializzazione del sito falliti al momento di partire, nonostante accordi con Regione e sindacati, gli ex dipendenti sono rimasti senza il paracadute degli ammortizzatori sociali. Nel frattempo la platea si è dimezzata, tra prepensionamenti, trasferimenti in altre sedi Kion nel Nord o all’estero. Ora, oltre a rinascere, la speranza di rivedere impiegati quei lavoratori sembra farsi più concreta. E la cessione del fitto dell’immobile da parte del Comune proprietario rappresenta un passaggio fondamentale.

“Abbiamo già attivato i servizi di pulizia – aggiunge Dalena - e daremo seguito all’accordo sindacale siglato assieme a Confindustria entro i primi mesi del 2022 con la prima parte dell’impianto che tratterà il vetro. Contestualmente assumeremo atre otto persone, per un totale di 12 come segnale verso le istituzioni che contribuiranno al lavoro col conferimento dei materiali da selezionare attraverso i vari consorzi di raccolta differenziata. Il nostro impegno rimane quello sottoscritto il 24 ottobre 2018 sul rilancio del sito”.

Rilancio che passa quindi dalla consegna avvenuta il 5 novembre dell’immobile da parte dell’amministrazione comunale. “Era un passaggio molto atteso – spiega Nicola Bonasia, sindaco di Modugno – e ci rende fiduciosi per il futuro, si concretizza un po’ alla volta un investimento in un settore strategico come quello del riciclo con la selezione meccanica dei materiali da rifiuti. L’azienda paga un canone di locazione di 59mila euro, che compensa la mancanza del gettito Imu vista la proprietà dell’immobile del Comune, dopo la cessione di Kion. Quando saranno assunti tutti e 128 gli ex diendenti Om la proprietà del capannone passerà a Selectika. Saranno avviati i tirocini formativi per la ricollocazione di tutti gli altri ex dipendenti, mentre noi continueremo a seguire la vicenda con grande attenzione senza far mancare il nostro supporto ad azienda e lavoratori”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"A breve le prime assunzioni, nel 2022 le produzioni": il manager di Selectika spiega l'investimento nell'ex Om

BariToday è in caricamento