rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Attualità

Parklet e spazi esterni dei locali in scadenza il 30 ottobre, Del Mastro a ristoratori e Comune: "Vanno prorogati"

Il gestore dell’Osteria del Borgo Antico piazza Mercantile è pronto a smuovere i suoi colleghi affinché si mobilitino per ottenere un provvedimento dell'aministrazione che li aiuti

“Abbiamo nelle imminenze una scadenza, quella del 30 ottobre, che farà cessare la validità dell’estensione del 50 per cento degli spazi esterni. Una misura che penalizzerà fortemente molti operatori del settore, in un momento in cui le condizioni climatiche consentono ancora a tanti, penso anche ai bar, di utilizzare ancora i tavoli fuori dalle strutture”. Gianni Del Mastro gestisce l’Osteria del Borgo Antico in piazza Mercantile, è uno dei decani dei ristoratori baresi ed è tra i più attivi. Non a caso è pronto a smuovere i suoi colleghi affinché si mobilitino per ottenere una proroga dal Comune per i parklet, pedane concesse gli scorsi mesi agli esercizi all’esterno delle proprie attività utilizzando gli spazi dei parcheggi adiacenti al marciapiede, e per la chiusura momentanea con vetrate in materiale plastico degli spazi esterni più grandi dove esiste questa possibilità.

 “Il livello di coinvolgimento nelle decisioni come categoria in questo momento è ancora molto basso - sottolinea –, l’emergenza non è finita e dobbiamo chiedere con forza al Comune una proroga o addirittura chiedere di rendere definitiva l’estensione. Così come va aperta una vertenza per la possibilità di chiudere i dehors, una volta per tutte. Questo è il momento storico per poterlo ottenere. Ricordo che il regolamento cittadino non prevede chiusure laterali. C’è dalla nostra parte una recente sentenza del Consiglio di Stato, che per gli atti amministrativi equivale alla cassazione, che ha dato ragione a un ristoratore, credo di Otranto. È un precedente che fa giurisprudenza”. Ma al di là della forma delle richieste e delle rivendicazioni è nella sostanza che un’opportunità simile può  fare la differenza per la categoria.

“Questa estate – spiega ancora Del Mastro - ha dimostrato così come da noi affermato più volte che la ristorazione e l’entertainment sono stati il vero punto di forza che ha spinto così in alto l’immagine della Puglia nel mondo. Lo sa bene ciascuno di noi che lo ha verificato ogni giorno nel contatto con i turisti. Il cibo e il bere hanno contribuito in modo determinante all aumento della ricchezza dell’intera regione. Siamo al primo posto nei favori della gente secondo dati Confcommercio. Allora credo che ci meritiamo un favore dal Comune”.  Favori che si concretizzano attraverso richieste di sgravi almeno parziali delle tasse comunali per tutto il 2022, in virtù anche di un aumento di bollette energetiche e acquisto di materie prime definito ormai fuori controllo .

“Tutti noi – aggiunge - stiamo vivendo sulla nostra pelle questi aumenti sconsiderati . Il Comune può darci una mano anche in considerazione di un suo bilancio non più in rosso. Perché la nostra situazione di difficoltà non è finita e quella debitoria accumulata in quindici mesi di chiusure è lontana dall’essere risolta. Bisogna chiedere con urgenza alla Regione l’adozione di misure per risolvere il dramma della mancanza di personale. Si possono organizzare corsi di formazione immediati e incentivi per l ingresso al lavoro ad esempio. La mancanza di personale rischia, e in molti casi l’ha già fatto, di mettere in ginocchio anche nel futuro il nostro settore oltre a farci vivere quotidianamente uno stato di ansia permanente.  Per tutto queste cose – conclude - a mio parere bisogna agire in fretta”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parklet e spazi esterni dei locali in scadenza il 30 ottobre, Del Mastro a ristoratori e Comune: "Vanno prorogati"

BariToday è in caricamento