Attualità

"Più bus alle 8", "Non siamo una percentuale": oltre 3mila studenti in piazza a Bari contro i doppi turni

La maggior parte si è astenuta dalle lezioni, presenti ragazzi delle superiori del capoluogo e della provincia. Il corteo è terminato in piazza Libertà. Una delegazione ha incontrato una dirigente della prefettura

Dai 3 ai 5 mila studenti delle scuole superiori di Bari e provincia hanno sfilato la mattina di lunedì 27 settembre per le vie del capoluogo contro i doppi turni di ingresso decretati dalla prefettura lo scorso 10 settembre. Il corteo è partito da piazza Umberto per arrivare in piazza Libertà, proprio sotto la sede della prefettura. "Più bus per le 8" è la richiesta scritta su più striscioni con critiche rivolte alla decisione di stabilire gli ingressi scaglionati alle 8, appunto, per il 75 per cento degli studenti, e alle 9 e 40 per la restante parte. Una modalità che sta procurando, denunciano, una serie di problematiche di carattere logistico e disagi sulla stessa didattica, soprattutto per chi si muove nella provincia. In tanti lamentano la mancanza di mezzi a sufficienza. I problemi maggiori sono dovuti all'uscita che, in molte scuole, a causa dello slittamento delle lezioni, vede gli studenti pendolari tornare a casa anche dopo le 17, con difficoltà nello svolgere i compiti e incastrare le attività extrascolastiche. I sindacati hanno calcolato che si perderanno all'incirca 30 ore di lezioni non più, per loro, recuperabili. Il provvedimento è maturato per far fronte alle misure antiCovid e alla capienza limite di bus e treni all'80 per cento.

Tanti i cori e gli striscioni colorati che hanno invaso pacificamente le vie del centro di Bari, nella maggior parte degli istituti superiori gli studenti si sono astenuti dalle lezioni, come già accaduto nei giorni scorsi ad Acquaviva, Putignano e Ruvo di Puglia. Una delegazione ha incontrato la dirigente del tavolo tecnico dei trasporti scuola della prefettura. "Si è mostrata aperta al dialogo - spiega Raffaele Filomeno, rappresentante di istituto della scuola Pitagora, anche lui in delegazione - e ha ascoltato quali sono le problematiche principali, con studenti che attendono fuori orario i bus e mezzi sovraffollati, con uscite a orari improponibili e arrivo a casa anche alle cinque e alle sei".

In pochi sono entrati a scuola, la maggior parte ha partecipato alla mobilitazione che ha visto una buona adesione. In corteo anche un gruppo dell'Uds, Unione degli studenti: "È stata una giornata importante - spiega Stefano Mariano - perché in piazza sono state portate le istanze e i disagi di chi vive la scuola sulla propria pelle. La mobilitazione andrà avanti, anche in altre forme, finché non sarà trovata una soluzione a questo enorme problema".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Più bus alle 8", "Non siamo una percentuale": oltre 3mila studenti in piazza a Bari contro i doppi turni

BariToday è in caricamento