Attualità

Bus affollati e disagi per gli studenti, la denuncia di 'Priorità alla Scuola': "Incuria e menefreghismo, servono investimenti sui trasporti"

Alcuni scatti postati sulla pagina Fb del comitato che riunisce genitori e docenti testimoniano l'ennesima mattinata di caos per raggiungere le scuole: "Ecco gli effetti nefasti sulla comunità scolastica dopo due anni di emergenza sanitaria in Puglia"


"Eccoli qui gli effetti nefasti sulla comunità scolastica dopo due anni di emergenza sanitaria in Puglia. Incuria, menefreghismo e abbandono". La denuncia, riferita ai disagi per gli studenti alle prese con i bus affollati, arriva dalla pagina Fb del comitato 'Priorità alla scuola'. In particolare, si legge sulla pagina, gli scatti postati si riferiscono alle tratte Bari-Rutigliano, Conversano-Rutigliano e Cerignola-Canosa. 

I doppi di turni adottati a Bari e provincia, come sostenuto da più parti, dai sindacati della scuola agli stessi studenti, non sembrano aver affatto risolto il problema del sovraffollamento dei mezzi, moltiplicando invece i problemi organizzativi per scuole, ragazzi e famiglie. "Lo ribadiamo ancora una volta - scrive il comitato 'Priorità alla scuola' - è necessario investire fondi pubblici per aumentare la flotta degli autobus, assumere nuovi autisti. Immediatamente! Così come bisogna garantire una #scuola pubblica e in presenza, senza più DAD, inclusiva e di qualità attraverso l'aumento degli spazi negli istituti scolastici, l'assunzione di docenti affinché siano eliminate le classi-pollaio, lo stesso vale per garantire il diritto al trasporto pubblico che deve essere accessibile a chiunque". 

"Di fronte all'esigibilità di questi diritti ci poniamo una domanda: l'assessore ai trasporti Anna Maurodinoia, l'assessore all'istruzione Sebastiano Leo e in prima persona il presidente della Regione Michele Emiliano quando risponderanno del disagio che ogni giorno viviamo sul territorio regionale per raggiungere semplicemente la scuola o il posto di lavoro?  Se voi e le poche persone che vi circondano possono permettersi l'auto personalizzata con autista, le persone comuni invece hanno bisogno di mezzi pubblici per andare a scuola o a lavoro. Si chiama pendolarismo. Almeno che si ammetta pubblicamente la vostra piena responsabilità. Bisogna ritornare a dare #priorità alla scuola, come hanno ribadito gli studenti e le studentesse lunedì scorso in #piazza a #Bari quando hanno protestato contro l'inettitudine delle istituzioni. Come ribadito lo scorso 22 gennaio quando abbiamo incontrato il capo di Gabinetto del presidente della Regione Puglia che ci ha risposto così: "il #Piano #trasporti è già operativo. Appena le scuole riapriranno tutto funzionerà con efficienza ed efficacia". Come ribadito il 28 maggio e il 20 luglio scorso quando abbiamo incontrato la Prefetta che ci ha assicurato che sui trasporti la Regione Puglia stava agendo per garantire la ripresa dell'anno scolastico senza disagi. E come se avessero detto: "Andrà tutto bene!" E invece i risultati delle loro (in)azioni sono riassunti nelle ennesime foto di denuncia che ci giungono".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bus affollati e disagi per gli studenti, la denuncia di 'Priorità alla Scuola': "Incuria e menefreghismo, servono investimenti sui trasporti"

BariToday è in caricamento