Attualità

Truffa da 1,2 milioni di euro, nei guai tre amministratori di azienda: scattano i sequestri

I riscontri, estesi anche ai profili social degli indagati, hanno consentito di individuare ulteriori beni in capo ad uno dei soggetti, che, per evitare eventuali azioni esecutive, aveva simulato la cessione al proprio coniuge

La Guardia di Finanza ha sequestrato 1,2 milioni di euro nei confronti di tre operatori economici di Corato, nel Barese. Le indagini sono scaturite da tre distinte verifiche fiscali svolte nell’anno 2017, in relazione ad indebite compensazioni di crediti d’imposta e dichiarazioni fiscali infedeli o fraudolente (per gli anni dal 2012 al 2015). Tre persone sono indagate.

Nel corso degli accertamenti, le Fiamme gialle tranesi hanno ricostruito il modo di agire degli amministratori pro tempore e dal loro consulente, basato sulla creazione di crediti Iva fittizi da utilizzare in compensazione con lesomme dovute all’Erario, generando un’evasione di imposta pari a circa 1,2 milioni di euro. I riscontri, estesi anche ai profili social degli indagati, hanno consentito di individuare ulteriori beni in capo ad uno dei soggetti, che, per evitare eventuali azioni esecutive, aveva simulato la cessione al proprio coniuge. Dei tre imprenditori indagati, soltanto uno aveva provveduto a regolarizzare la sua posizione con l’Erario, seppur parzialmente. Per gli altri due, invece, è scattata anche la denuncia per sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa da 1,2 milioni di euro, nei guai tre amministratori di azienda: scattano i sequestri

BariToday è in caricamento