Migliora il dipendente Amiu contagiato dal coronavirus, Decaro lo chiama: "Un'esperienza spaventosa, restate a casa"

Il monito del primo cittadino per Pasquetta: "Ognuno deve farla in casa propria. Scorrendo gli elenchi dei positivi spesso ci sono parenti o persone che abitano nello stesso palazzo. E' un problema serio perché poi diventa di tutta la comunità"

"Me la sono vista brutta: è stato terribile, si viene letteralmente presi da casa e portati in ospedale. Una brutta spaventosa": a parlare è Donato, il dipendente dell'Amiu contagiato dal coronavirus, chiamato in diretta dal sindaco Antonio Decaro nel corso del suo aggiornamento su Facebook. L'uomo è ancora ricoverato all'ospedale 'Miulli' di Acquaviva ma è in via di miglioramento. "Non vedo l'ora di ritornare dalla famiglia" ha aggiunto il lavoratore. migliorano anche altri due colleghi ricoverati nello stesso ospedale: "Dottori e infermieri sono stati splendidi, c'è una grande attenzione".

Il live Facebook del primo cittadino è stato ricco di ospiti: da Pittsburgh, in collegamento, c'era Andrea Gambotto, il ricercatore barese che sta lavorando, con un'equipe di colleghi della locale Università. alla creazione di un cerotto-vaccino per risolvere definitivamente il problema del Covid-19. Gambotto non ha voluto fare illusioni: "Non lo avremo tra 3-4 mesi -ha affermato - ma siamo a buon punto considerando che è un virus che 10 settimane fa non esisteva e ha causato più danni di quello che immaginavamo. Sarebbe importante avere un farmaco, in attesa del vaccino" ha poi rimarcato Gambotto.

Decaro, oltre agli ospiti, ha fatto il punto della situazione: sono 217 i positivi in città. Una situazione non difficilissima ma che potrebbe peggiorare se ci sarà un allentamento da parte dei cittadini rispetto alle misure di contenimento: "Mi segnalano ancora troppe uscite, troppa gente per strada davanti alla osta, alle banche, al mercato di Santa Scolastica, a san Girolamo. Ho saputo di famiglie intere che vanno a fare la spesa. Non è una cosa normale". Il primo cittadino ha poi raccontato un episodio curioso capitato in mattinata: "Ero a Bari Vecchia per la consegna di una spesa e un altro cittadino si è avvicinato ringraziandomi di quello che stavamo facendo. Gli ho chiesto cosa stesse facendo lì e lui mi ha risposto che era venuto a respirare. Ho provato a dirli che se ti prendi il coronavirus poi non respiri più. Questi comportamenti devono essere evitati".

Infine, un monito per Pasquetta: "Ognuno deve farla in casa propria. Scorrendo gli elenchi dei positivi spesso ci sono parenti o persone che abitano nello stesso palazzo. E' un problema serio perché poi diventa di tutta la comunità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile schianto in via Napoli, muore operaio 35enne: lascia moglie e due bambini

  • Covid, Emiliano chiude tutte le scuole in Puglia: da venerdì 30 ottobre stop alla didattica in presenza

  • Positivo al Covid, ma era al lavoro nel negozio della moglie: attività chiusa, 56enne denunciato

  • Le mani della criminalità organizzata sul settore agroalimentare in Puglia: 48 arresti

  • Paura nel centro di Bari: donna accoltellata per strada e trasportata in ospedale

  • Tragico incidente a Bari: schianto frontale in via Napoli, muore 35enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento