Pizze, gelati, panini e fritture per medici e operatori sanitari del Policlinico impegnati nella lotta al covid: "Un regalo per gli eroi"

Alle 21, ogni sera, 150 operatori sanitari che terminano il loro turno si dirigono, dal Padiglione Asclepios, in una zona 'sicura' dove possono gustare prelibatezze inviate dai ristoranti della città

Ben 600 pizze in 5 giorni, fritture, panni e gelati donati a medici, infermieri e operatori sanitari impegnati nei reparti covid del Policlinico di Bari: è la bella iniziativa, denominata 'Una pizza per gli eroi', realizzata da 'Le Strade di San Nicola', federazione di associazioni benefiche in collaborazione con l’agenzia di comunicazione Promostudio360.

Alle 21, ogni sera, 150 operatori sanitari che terminano il loro turno si dirigono, dal Padiglione Asclepios, in una zona 'sicura' dove possono gustare pizze, gelati e altre prelibatezze inviate dai ristoranti della città. “È stata molto emozionante la risposta che la città di Bariha dato a questa iniziativa che siamo riusciti ad attuare in pochissimi giorni. Invitiamo tutti coloro che ne hanno voglia, e possono farlo, ad aderire” spiega il presidente de Le strade di San Nicola, Lorenzo Moretti. “Ci piaceva l’idea di poter dare un momento di ricreazione e un sostegno morale e simbolico, ai professionisti che in questi giorni stanno dedicando la loro vita con turni ‘provanti’ ai malati affetti da Coronavirus. Abbiamo deciso di apostrofarli come eroi, non in quanto medici o infermieri, ma proprio perché molti di loro hanno deciso di allontanarsi dalla propria casa e prendere in affitto un appartamento a spese loro, pur di continuare a svolgere il lavoro che amano e non rischiare di essere ‘untori’ di familiari o conviventi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Fondamentale – spiega Susana Vega, promotrice dell’iniziativa sulla scorta dell’esperienza spagnola di Food4Heroes – è stata la collaborazione della direzione generale del Policlinico che ha permesso di rendere fruibili gli accessi e di coinvolgere i responsabili dei reparti- Covid. Ci sembrava doveroso in questo momento dimostrare loro la riconoscenza di tutta la città”. L'iniziativa sarà, con ogni probabilità, replicata anche in altri ospedali della provincia. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccio De Santis positivo al coronavirus, annullato spettacolo in Svizzera: "Sono forte, ci vediamo presto"

  • Vipera in giardino: come riconoscerla e cosa fare in caso di morso

  • Raffaele Fitto positivo al Covid-19 con la moglie, l'annuncio: "Tampone dopo contagio di uno stretto collaboratore"

  • Il Coronavirus fa ancora paura nella provincia: un decesso a Polignano, crescono i contagi a Noicattaro

  • Vento forte e temporali in arrivo nel Barese: scatta l'allerta meteo arancione

  • Contagi dopo festa di 18 anni, chiude scuola ad Altamura: "Inconcepibili party per ballare"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento