menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'aeroporto di Linate (foto Ansa)

L'aeroporto di Linate (foto Ansa)

Coronavirus, crescono le autosegnalazioni dei pugliesi di ritorno dal Nord: da ieri oltre 2.500, più di novemila da fine febbraio

I numeri forniti dalla Regione: per chi rientra in Puglia, oltre all'obbligo di comunicare la propria presenza, con l'ordinanza varata domenica vige anche quello della quarantena per 14 giorni

Cresce il numero di pugliesi di rientro dalle 'zone rosse' del Nord che, come previsto dalle disposizioni della Regione Puglia, stanno segnalando la propria presenza sul territorio. Se fino a domenica sera il numero di autosegnalazioni online era di circa duemila, questa mattina (numeri aggiornati alle ore 9), i moduli compilati hanno raggiunto quota 2.545.

L'obbligo di autosegnalazione per chi rientra in Puglia dalle zone interessate dall'emergenza Covid-19 vige già dallo scorso 29 febbraio: da quella data, sono stati  9362 i moduli on line compilati per dichiarare di essere rientrati in Puglia. Da domenica, tuttavia, per chi rientra dalle 'zone rosse' incluse nel nuovo decreto del governo (Lombardia e province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell’Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio- Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia) è stata disposta anche la quarantena obbligatoria della durata di 14 giorni.

Il modulo è disponibile sul portale della Regione Puglia nella sezione dedicata al Coronavirus, al link al modulo: https://www.sanita.puglia.it/autosegnalazione-coronavirus); I pugliesi possono segnalare questa circostanza del loro rientro in Puglia dalle suddette zone anche telefonicamente al proprio medico curante.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento