Venti letti post-acuzie covid, attivato il presidio di Triggiano: "Dedicato ai pazienti in attesa di negativizzazione"

La struttura è stata realizzata nell'ex unità di Malattie Infettive della struttura, dove saranno accolti i pazienti dimessi dagli ospedali Covid del Policlinico di Bari e Miulli di Acquaviva

Sono attivi già da sabato scorso 20 posti letto nel Presidio Post Acuzie di Triggiano per avviare la fase 2 del contrasto all'emergenza coronavirus. La struttura è stata realizzata nell'ex unità di Malattie Infettive della struttura, dove saranno accolti i pazienti dimessi dagli ospedali Covid del Policlinico di Bari e Miulli di Acquaviva. Nel dettaglio, sono stati adeguati gli ambienti del 2° piano (14 posti letto) e quelli del 1° piano (6 posti letto), completamente isolati rispetto al resto dell’edificio, che continuerà a garantire le altre prestazioni sanitarie, e con un percorso separato per l’ingresso dei pazienti. Qui saranno accolti i pazienti usciti dalla fase acuta trascorsa nelle strutture Covid che non necessitano di assistenza respiratoria, nell’attesa della negativizzazione. L'unità è composta da un'équipe medica e 18 infemieri con coordinatore

Il reparto dispone di stanze singole e doppie, alcune a pressione negativa, con percorsi dedicati e segnalati con cartellonistica specifica, spazi per vestizione e svestizione del personale, area rossa non accessibile senza i necessari dispositivi di protezione individuale. L’organizzazione della struttura prevede modalità diverse di esecuzione degli esami strumentali, sostanzialmente la radiografia del torace e l’elettrocardiogramma, utilizzando apparecchiature portatili oppure in modalità online, sfruttando la possibilità di refertazione in remoto garantita dall’unità di Cardiologia dello stesso presidio. L'obiettivo è evitare contatti con l'esterno e in particolare le aree non-covid. per questa ragione è stato previsto anche un percorso dedicato ai prelievi ematici, in un luogo isolato e diverso da quello adoperato normalmente dall'utenza esterna. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Si tratta di gestire - spiega il Direttore Generale Antonio Sanguedolce- pazienti paucisintomatici o clinicamente guariti, avendo superato le manifestazioni cliniche associate all’infezione, ma che devono attendere l’esito negativo dei due tamponi di controllo per poter tornare al domicilio nella massima sicurezza, o che in qualche caso necessitano di interventi riabilitativi specifici”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali Puglia 2020: i risultati delle liste, preferenze e consiglieri eletti

  • Elezioni Regionali Puglia 2020: i risultati in diretta

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Regionali Puglia 2020, i risultati: preferenze consiglieri Partito Democratico

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

  • Regionali Puglia 2020: i risultati | Percentuali e voti dei candidati presidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento