Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Attualità

Il pesante tributo dei medici al Covid, 340 vittime in un anno: "La svolta? Il vaccino ha fatto crollare i decessi"

Il ricordo del presidente FnOmceo, Filippo Anelli: " Noi oggi vogliamo, ancora una volta, ricordarli tutti, uno per uno, ad iniziare da Roberto Stella, primo tra i medici a perdere la vita, l’11 marzo dello scorso anno"

"Oltre centomila persone sono rimaste vittime del Covid: tra queste, 340 medici. Noi oggi vogliamo, ancora una volta, ricordarli tutti, uno per uno, ad iniziare da Roberto Stella, primo tra i medici a perdere la vita, l’11 marzo dello scorso anno”: è il commosso pensiero di Filippo Anelli, presidente della FnOmceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, in occasione della prima Giornata in memoria delle vittime di Covid.

Dei 340 medici rimasti vittima del Covid, 138, la maggioranza, erano Medici di Medicina Generale. 30 gli Odontoiatri. Tra le vittime anche ospedalieri, liberi professionisti, pensionati, tornati o meno in attività per l’emergenza. La FnOmceo li ricorda tutti con un Memoriale sul sito fnomceo.it . Il triste elenco sembra ora, dopo le vaccinazioni, crescere più lentamente. E la mortalità dei medici, rapportata a quella della popolazione generale, si è abbattuta in maniera considerevole.

“Oggi, accanto al ricordo, dobbiamo necessariamente anche sollecitare tutta la popolazione a riflettere su quanto sia importante usare il vaccino, perché l'utilizzo del vaccino riduce drasticamente la mortalità – continua Anelli - E la riduce anche tra i medici: le vaccinazioni iniziate agli inizi di gennaio hanno oggi determinato una riduzione netta della mortalità di oltre il 70 per cento e la curva continua a scendere, nonostante siamo in una fase di ripresa epidemica importante. Questo significa che il vaccino produce i suoi effetti benefici, ci consentirà finalmente di uscire dalla pandemia”.

“I medici chiedono però di poter vaccinare in tranquillità, in serenità – conclude Anelli - . Abbiamo chiesto al Parlamento e al Governo una norma che consenta ai medici di non essere incolpati per gli effetti collaterali o per le difficoltà nella gestione del Covid o per la somministrazione dei vaccini. La sensibilità mostrata dal Ministro Cartabia e dal Ministro Speranza ci inducono a pensare che questa sensibilità sia di tutto il Governo e speriamo presto di avere una norma che tuteli anche la classe medica”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il pesante tributo dei medici al Covid, 340 vittime in un anno: "La svolta? Il vaccino ha fatto crollare i decessi"

BariToday è in caricamento