menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emiliano e la scuola rivoluzionata dalla pandemia Covid: "In queste condizioni la Dad è l'alternativa alla chiusura totale"

Il governatore intervistato da Start su Sky Tg24: "Se aprissimo tutte le scuole, metteremmo in movimento un milione di persone (su 4,2 milioni): è evidente che i contagi in questo modo salgono. Basta poco per la terza ondata"

"C'è questa ideologia della didattica in presenza come se fuori non ci fosse quello che c'è. Siamo tutti dell'idea che la didattica in presenza sia preferibile alla Dad, ma quest'ultima è l'alternativa alla chiusura totale": ad affermarlo è il governatore della Puglia, Michele Emiliano, ospite del programma Start in onda su Sky Tg24.

Il presidente della Giunta pugliese, nel corso di una lunga intervista, ha risposto a numerose domande sulla situazione Covid nella Regione: "E' evidente - ha spiegato - che la didattica in presenza e le socialità sono importanti ma farne una questione politica a rischio di far cadere il governo in questo momento, mi sembra l'equivalente di quello che sta accadendo in altri contesti, intendo politici. Ho l'impressione che dietro ci sia qualche mistero che il sistema dell'informazione dovrà svelare". La didattica a distanza, secondo Emiliano "deve essere fornita in modo adeguato dalla scuola perché laddove dovesse accadere come sta accadendo di avere bisogno della Dad, questa deve funzionare e deve essere gestita con intelligenza e capacità".

In Puglia, ha aggiunto "se aprissimo tutte le scuole, metteremmo in movimento un milione di persone (su 4,2 milioni): è evidente che i contagi in questo modo salgono. Non certo per colpa della scuola ma perché appunto si mettono in movimento tantissime persone che si contagiano". A tal proposito, Emiliano ha spiegato che nella regione il contagio è stabile ma "basta un nulla per riaccendere e ripartire verso la terza ondata. La Puglia è in zona gialla, ma io avrei preferito zona arancione perché se parte la terza ondata con la variante inglese rischiamo di andare nuovamente in crisi – ha aggiunto Emiliano -, nonostante una struttura ospedaliera ormai quadruplicata nei posti letto”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento