menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Puglia sarà arancione dalla prossima settimana? Numeri in discesa ma preoccupano i ricoveri

Atteso per domani il 'verdetto' con l'ordinanza del Ministero della Salute: i parametri potrebbero regalare la promozione dopo un mese di rosso intenso ma i valori delle ospedalizzazioni restano altissimi

Sarà zona arancione per la Puglia dalla prossima settimana? Si avvicina il verdetto di domani sull'ipotesi di cambiare colore e quindi vedere ridotte le restrizioni dopo un mese di chiusure massime per cercare di contenere un contagio Covid inarrestabile per tutto marzo e, da poco, finalmente meno pesante seppur ancora troppo presente sul territorio regionale

C'è, al momento, incertezza sull'eventuale passaggio di fascia che comporterebbe la riapertura dei negozi non essenziali e la possibilità di andare a far visita, una volta al giorno, a parenti o amici potendo circolare liberamente (dalle 5 alle 22) in tutta la città senza bisogno di autocertificazioni. Resterebbero attivi, invece, i confini comunali che sarebbero sbloccati passando in zona gialla, al momento non disponibile fino al termine di aprile. Il quadro generale, che pende verso l'arancione, si arricchisce anche dell'indice Rt di contagio, calcolato molto vicino all'1 (se non sotto) e quindi con parametri compatibili con la 'promozione'. 

Il problema principale, però, riguarda le terapie intensive e i ricoveri: la Puglia, nella giornata di ieri, ha fatto registrare il picco di terapie intensive a quota 270 con 29 ingressi e un poco lusinghiero terzo posto nazionale per la classifica di accessi giornalieri nelle rianimazioni. Il tasso di riempimento di questi reparti è al 46%, ben oltre la soglia del 30% e 8 punti sopra la media nazionale. A questi numeri si aggiunge il 51% di riempimento dei reparti ordinari Covid, ben al di sopra del limite del 40%. Il dato delle ospedalizzazioni, dunque, preoccupa molto, ma se si guardasse solo all'andamento dei casi la Puglia potrebbe lasciare il rosso già tra pochi giorni. La sentenza arriverà venerdì pomeriggio con l'ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento