Attualità

Decaro sulle riaperture e il ritorno alla normalità: "Equilibrio tra allentamenti e necessità di non far ripartire i contagi"

Per il sindaco in alcune città dove sono state adottate norme restrittive in zone con affollamenti serali "si sovrappone la movida all'arrivo dei turisti: un mix da monitorare, soprattutto nelle ore serali e notturne. Ma vedrete che le ordinanze saranno limitate nel tempo, almeno fino a fine mese"

"Il governo ha fatto scelte dettate dall'analisi degli scienziati: i contagi stanno crollando grazie ai vaccini, così si riapre. I sindaci adottano restrizioni agli allentamenti perché il loro territorio lo richiede. Se le discoteche restano chiuse, un motivo c'è: noi dobbiamo evitare di ricreare 'discoteche' in altre forme, situazioni ad alto pericolo contagio". E' quanto afferma il sindaco di bari e presidente Anci, Antonio Decaro, intervistato dal Qn.

 "La movida è tornata, certo - ha detto Decaro - . Bisogna trovare il giusto equilibrio tra necessità di fare girare gli affari e sorvegliare le situazioni che potrebbero farci ripiombare nell'emergenza - aggiunge - Almeno fino a quando la campagna vaccinale non sarà conclusa". Il primo cittadino sottolinea come in alcune città dove sono state adottate norme restrittive in zone con affollamenti serali "si sovrappone la movida all'arrivo dei turisti: un mix da monitorare, soprattutto nelle ore serali e notturne. Ma vedrete che le ordinanze saranno limitate nel tempo, almeno fino a fine mese, quando poi usciremo dall'emergenza togliendo la mascherina".

Infine sulla possibilità di mantenere l'obbligo di mascherina in alcune realtà locali, anche dovesse decadere a livello nazionale, Decaro spiega che "potrebbe succedere per alcune zone specifiche del territorio, soprattutto dove ci sono concentrazioni maggiori di persone in determinate fasce orarie".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Decaro sulle riaperture e il ritorno alla normalità: "Equilibrio tra allentamenti e necessità di non far ripartire i contagi"

BariToday è in caricamento