Attualità Molo San Nicola

Non paga 'l'obolo' e trova la macchina rigata: la piaga dei parcheggiatori abusivi fa una nuova vittima

Il racconto di una donna, riportato sulla pagina del sindaco Decaro, dell'episodio avvenuto nella serata di ieri a 'N derr la lanz'. "Una storia che va avanti da sempre, un ricatto continuo, una tassa fissa da pagare ogni volta che si arriva a Bari" scrive

La macchina rigata come punizione per non aver pagato 'l'obolo'. A denunciare l'ennesimo effetto della piaga dei parcheggiatori abusivi in città è una donna, con una segnalazione lasciata sulla pagina del sindaco di Bari, Antonio Decaro. Secondo quanto raccontato, l'episodio è avvenuto nella serata di ieri a 'N derr la lanz': "Sento spesso dire 'amo Bari, ma meno i baresi' - scrive la donna - Io la città la amo, come anche molti miei amici che la abitano, con tutti i suoi pregi e difetti. Però quello dei parcheggiatori abusivi non è un difetto ma una piaga che rovina, condiziona, denigra e fa da deterrente verso chi, come me, viene da un altra città per passare qualche ora piacevole sul lungomare in compagnia di persone care. Una storia che va avanti da sempre, un ricatto continuo, una tassa fissa da pagare ogni volta che si arriva a Bari".

E chiude con una serie di domande: "Ora a chi dovrei chiedere di risarcirmi? E mi chiedo, se per le fornacelle presenti tre giorni l'anno si è fatta tanta (giusta) battaglia, perché questi signori continuano a fare il proprio comodo indisturbati tutti i santi giorni?", richiamando lo scontro tra il sindaco Decaro e i venditori abusivi durante la sagra di San Nicola.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non paga 'l'obolo' e trova la macchina rigata: la piaga dei parcheggiatori abusivi fa una nuova vittima

BariToday è in caricamento