Domenica, 19 Settembre 2021
Attualità

Fuggono in due dal carcere a Trani, la denuncia del Sappe: "Evasione annunciata, carenza di personale nel penitenziario"

Il commento della sezione pugliese del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria: "Frutto della superficialità con cui sono state trattate e gestite le molte denunce fatte dal Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria sulle condizioni di sicurezza dell'istituto" spiegano

Fonte Google Maps

"Un'evasione annunciata". Critico il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE dopo la notizia della fuga di due detenuti baresi dal carcere di Trani. "Adesso è prioritario catturare gli evasi - denuncia Federico Pilagatti, segretario nazionale per la Puglia del SAPPE - ma la grave vicenda porta alla luce le priorità della sicurezza (spesso trascurate) con cui quotidianamente hanno a che fare le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria di Trani”. Pilagatti sottolinea che “i due sono originari di Bari e nonostante uno fosse ristretto per omicidio e l’altro per rapina e droga giravano liberamente per il carcere grazie alla scellerata vigilanza dinamica imposta anni fa dal DAP. Il mura di cinta era sguarnito e il poliziotto della Sala regia ha dato subito l’allarme quando i due hanno scavalcato il muro.  In svariate occasioni, il SAPPe ha rappresentato e manifestato a gran voce la grave carenza di personale di Polizia Penitenziaria in servizio presso l’Istituto di Trani. Il SAPPe, in prima linea a tutela e salvaguardia dei diritti dei Poliziotti Penitenziari ribadisce la necessità di intervento da parte dei vertici dell’Amministrazione Penitenziaria. A questo si aggiunga una pessima organizzazione del lavoro”. Per Donato Capece, segretario generale del SAPPE, “questa di Trani, come quella di Pescara di qualche giorno fa, è una evasione annunciata, frutto della superficialità con cui sono state trattate e gestite le molte denunce fatte dal Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria sulle condizioni di sicurezza dell'istituto. Se fossero state ascoltate le continue denunce del SAPPE, probabilmente tutti gli eventi critici denunciati e questa stessa evasione non sarebbe avvenuta. E la cosa grave è che questi numeri si sono concretizzati proprio quando sempre più carceri hanno introdotto la vigilanza dinamica ed il regime penitenziario ‘aperto’, ossia con i detenuti più ore al giorno liberi di girare per le Sezioni detentive con controlli sporadici ed occasionali della Polizia Penitenziaria”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fuggono in due dal carcere a Trani, la denuncia del Sappe: "Evasione annunciata, carenza di personale nel penitenziario"

BariToday è in caricamento