menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Puglia e Basilicata alleate contro il Deposito nazionale di scorie radioattive: "Fronte comune per scongiurarlo"

Incontro in videoconferenza tra il governatore pugliese Michele Emiliano e il collega Vito Bardi assieme ai rispettivi assessori all'Ambiente: "Il coinvolgimento di una regione creerebbe problemi all'altra"

Puglia e Basilicata pronte a far fronte comune per evitare di ospitare il Deposito Nazionale di scorie radioattive, dopo che alcuni siti delle due regioni (tra cui Gravia e Altamura nel barese) sono finiti nell'elenco dei 67 candidati dove realizzare la struttura, secondo la mappa pubblicata la scorsa settimana dalla Sogin della Cnapi.

“O questo problema lo risolviamo insieme, o c’è il rischio che anche il coinvolgimento di una sola regione possa creare conseguenze alla regione confinante”: spiegano il presidente Michele Emiliano e l'assessore regionale all'Ambiente, Anna Grazia Maraschio, nel corso di una videoconferenza alla quale hanno preso parte il governatore lucano Vito Bardi e l'assessore Gianni Rosa. Il primo confronto operativo, si legge in una nota della Regione Puglia, ha esplorato la possibilità di "concordare una strategia unitaria e definire insieme tutti i rilievi da sottoporre al Governo nazionale per scongiurare la localizzazione delle scorie nucleari nei siti pugliesi e lucani.

“I siti di cui parliamo - hanno dichiarato Emiliano e Maraschio - sono siti connessi dal punto di vista geologico e naturalistico. Sappiamo bene di avere di fronte per ora solo un elenco potenziale, ma intendiamo tirarci fuori da questo elenco perché quelle pugliesi e lucane sono tutte aree di particolare pregio naturalistico, che fanno parte di Parchi o che sono candidate a farne parte. Noi vogliamo rispondere con delle osservazioni pertinenti e siamo ben contenti di agire di concerto con la Basilicata. Per questo già nei prossimi giorni la Giunta Regionale approverà una delibera di indirizzo per esplicitare meglio le azioni e le forze da mettere in campo”.

Le osservazioni dovranno essere presentate entro 60 giorni dalla pubblicazione della carta dei siti potenzialmente idonei, cioè entro il 6 marzo 2021, così come prevede la procedura di
consultazione pubblica avviata in base alle disposizioni del decreto legislativo.



















































 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento