menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Prelievo multiorgano all'ospedale Di Venere di Bari, donati reni e fegato: "Speranza in più per tre persone"

La catena della solidarietà è scattata dopo il sì dei familiari di un 61enne del Barese, deceduto per una grave patologia. Da febbraio scorso semplificate le procedure per la donazione

Una donazione multiorgano per ridare speranza di vita a chi è in attesa. La catena della solidarietà è scattata dopo il sì dei familiari di un 61enne del Barese, deceduto per una grave patologia. Donati il fegato e i reni, prelevati dalle equipe chirurgiche provenienti dal Policlinico di Bari, con il coordinamento del dottor Claudio Petrillo e della dottoressa Gabriella Ingenito dell’unità di Rianimazione del Di Venere

Per il Direttore Generale ASL Bari, Antonio Sanguedolce: "l’atto della donazione coinvolge direttamente la volontà dei familiari, che affrontano il dolore della perdita con uno slancio di umanità e generosità – e per questo li ringraziamo sentitamente –, ma anche la capacità delle strutture sanitarie e delle professionalità mediche di portare a termine con successo un processo delicatissimo e di vitale importanza". Dal febbraio scorso la ASL Bari, proprio per semplificare e sostenere la donazione d’organi,  ha deliberato una procedura unica e omogenea per le quattro unità di Rianimazione distribuite sul territorio aziendale, negli Ospedali di Bari, “Di Venere” e San Paolo, e in quelli di Altamura e Monopoli. Dall'accertamento di morte cerebrale alla donazione di organi e tessuti, il percorso è racchiuso in sette passaggi descritti minuziosamente da un team di professionisti e verificato dalla Commissione Permanente Aziendale in materia di donazioni, prelievi e trapianti di organi e tessuti. E’ inoltre attiva la rete dei punti di raccolta della volontà in vita, distribuiti capillarmente su tutto il territorio aziendale: distretti, poliambulatori e ospedali dotati di Urp: "In totale circa una trentina di sportelli – ricorda Giuseppe Tarantino, responsabile del Coordinamento Donazione Organi e Trapianti - che offrono ai cittadini la possibilità di esprimere la propria volontà, oppure semplicemente di ricevere informazioni su una materia che investe aspetti personalissimi come la salute, la donazione e i trapianti ma che, allo stesso tempo, induce ad una riflessione sul modo di sentirsi e rendersi utili agli altri attraverso gesti di grande umanità".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento