Domenica, 16 Maggio 2021
Attualità

Alcol, droghe e smartphone pericolosi per la guida: #pensaarichiesta, progetto per i giovani al volante

L'iniziativa ha l'obiettivo di ridurre il numero di incidenti attribuibili a comportamenti relativi all’uso e abuso di sostanze, promuovendo una cultura della guida sicura nei locali, nelle spiagge e tra i gruppi

Immagine di repertorio

Abuso di alcol e droghe ma anche dipendenza da smartphone, problemi sempre più evidenti per i giovani, con conseguenze, a volte, tragiche: un progetto per richiamare l'attenzione sul tema, è stato presentato stamane a Palazzo di Città. L'iniziativa, denominata #Pensaarichiesta, fa parte di un più ampio contenitore intitolato 'No Alcol no Crash', realizzato all’interno del progetto “No Alcol No Crash”, gestito dalla cooperativa CAPS e finanziato dalla presidenza del Consiglio dei Ministri - dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile nazionale e dipartimento per le Politiche Antidroga, in rete con il Comune di Bari, il Comune di Bitonto, l’ASL (dipartimento Dipendenze patologiche) e l’ufficio del Garante dei diritti del Minore della Regione Puglia.

Il progetto ha l'obiettivo di ridurre il numero di incidenti attribuibili a comportamenti relativi all’uso e abuso di sostanze, promuovendo una cultura della guida sicura nei locali, nelle spiagge e nei gruppi informali, attraverso la distribuzione di etilotest, materiale informativo e con il supporto di sussidi dimostrativi: tra questi anche simulatori di guida, occhiali alcolvista, allestimento di percorsi ebbrezza, al fine di riproporre i pericoli legati all’incidentalità.

“Il progetto che presentiamo oggi - ha detto l'assessore cittadino al Welfare, Francesca Bottalico - è il frutto del lavoro quotidiano che tante realtà del nostro territorio svolgono insieme all’amministrazione sui temi della prevenzione, della cura, della formazione e della sensibilizzazione sul contrasto alle dipendenze. L’obiettivo che s’intende raggiungere con questa iniziativa è quello di creare un piano di interventi coordinato, in sinergia con gli attori sociali e gli operatori coinvolti, diretto a prevenire il tasso di incidentalità stradale causato dall’uso di droghe o alcool facendo leva sulla sensibilità dei minori. Tra l’altro, l’amministrazione comunale da diversi anni è attiva su vari fronti: abbiamo recentemente festeggiato con soddisfazione il primo compleanno dell’iniziativa “Care for People”, che consiste nell’impiego di una unità di strada che per 365 giorni all’anno lavora sul territorio nelle ore serali, nei luoghi di aggregazione giovanile - sale da gioco, concerti - e anche nelle piazze e nelle scuole, coinvolgendo le famiglie, per proporre momenti di sensibilizzazione legati ai diversi tipi di dipendenze, da sostanze e non”.

 “L’ingresso di questa iniziativa nelle aule delle scuole medie e superiori - ha spiegato l'assessore cittadino alle Politiche Giovanili, Paola Romano - rappresenta una scelta precisa dell’amministrazione, che spera così di parlare direttamente ai giovani prima che questi possano venire a contatto con le sostanze psicotrope. Purtroppo, gli studi ci raccontano del consumo di alcol già a 12-13 anni e quindi ci rivolgeremo ai ragazzi partendo proprio dai più giovani, quelli che frequentano la prima media, rivolgendo loro un messaggio che non li colpevolizzi ma che punti sulla bellezza della vita quotidiana. In momenti di crescita così delicati, infatti, non si può far leva sulla repressione dei comportamenti. Siamo convinti che i dirigenti scolastici appoggeranno con entusiasmo questa iniziativa, e che potremo arrivare davvero a toccare il cuore di migliaia di studenti baresi”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alcol, droghe e smartphone pericolosi per la guida: #pensaarichiesta, progetto per i giovani al volante

BariToday è in caricamento