La Uilm prima organizzazione alle elezioni Rsu della Bosch di Bari: 8 delegati ottenuti su 18

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

La UILM si conferma prima organizzazione alle elezioni Rsu nello stabilimento Bosch di Bari, con i suoi 2000 dipendenti secondo sito produttivo della regione e del Mezzogiorno dopo l’Ilva di Taranto. La UILM ha ottenuto infatti 8 delegati su 18 disponibili (6 nel settore operai e 2 tra gli impiegati), contro i 6 della Fim e i 2 di Fiom e Ugl. “Auguro agli eletti – è il commento del segretario generale della UILM di Bari, Riccardo Falcetta – di continuare l’ottimo lavoro svolto quotidianamente dalla squadra della UILM negli ultimi tre anni al fianco e nell’esclusivo interesse dei lavoratori. In una giornata così felice per la nostra organizzazione, resta solo il rammarico per una tornata elettorale forse eccessivamente condizionata da un clima non sempre imparziale, che l’azienda non ha fatto nulla per riportare sui giusti binari. Ma tant’è, la UILM continua a crescere in tutte le realtà industriali della provincia, sintomo che il lavoro quotidiano svolto negli stabilimenti paga, per impegno e competenza. Infine – conclude Falcetta - è importante sottolineare l’ampia partecipazione al voto delle lavoratrici e dei lavoratori, ormai una costante nelle elezioni per le rappresentanze sindacali aziendali, a dimostrare come a Bari e nel Paese ci sia sempre più fiducia nell’azione sindacale”. Gli eletti della UILM: Osvaldo Miglio, Giovanni Ranieri, Francesco Lorusso, Raffaele Barile, Nicola Bisceglie, Michele Ungaro (operai); Enzo Lopassio e Giuseppe Albore (impiegati).

Torna su
BariToday è in caricamento