Martedì, 28 Settembre 2021
Attualità

Caldo, anziani e fragili a Bari: centinaia di interventi tra luglio e agosto. il bilancio dl Piano Operativo

“Nonostante le temperature altissime di questi mesi e gli effetti indiretti sulla qualità della vita di tanti cittadini e cittadine vulnerabili, la rete e il programma promossi dall’assessorato al Welfare hanno accompagnato per tutta l’estate, senza alcuna interruzione, le persone più sole" ha affermato l'assessora comunale al Welfare, Francesca Bottalico 

Sono stati numerosi gli interventi a contrasto delle ondate di calore a Bari per aiutare, negli ultimi mesi, anziani e persone fragili. E' quanto emerso dai risultati del Piano operativo cittadino attivo dal 1° luglio al 31 agosto scorsi.

“Nonostante le temperature altissime di questi mesi e gli effetti indiretti sulla qualità della vita di tanti cittadini e cittadine vulnerabili, la rete e il programma promossi dall’assessorato al Welfare hanno accompagnato per tutta l’estate, senza alcuna interruzione, le persone più sole - ha affermato l'assessora comunale al Welfare, Francesca Bottalico -. Lo confermano i dati, che rispetto a quelli dello scorso anno vedono crescere i numeri dei servizi dedicati all’ascolto e al sostegno psicologico e degli interventi delle unità di strada grazie alle quali abbiamo monitorato costantemente le condizioni delle persone senza dimora, particolarmente a rischio a causa del grande caldo. Per questo lavoro intenso, frutto di una programmazione condivisa, ringrazio gli operatori della rete pubblica e istituzionale che negli ultimi due anni hanno costruito insieme a noi un’importante banca dati con cartelle uniche sociali fondamentali per consentirci di seguire anche i casi più difficili.

Per quanto riguarda il progetto Serenitanziani sono state registrate 1215 telefonate al servizio Sorveglianza attiva, che assicura monitoraggio telefonico e domiciliare agli anziani segnalati dai servizi sociali territoriali, dai Municipi e dal P.I.S.; 458 telefonate al Telefono amico, il numero verde gratuito 800 063 538 che consente di ricevere ascolto e supporto nei momenti di bisogno; 145 telefonate agli operatori del Sostegno psicologico rivolto agli over 65. Nello stesso periodo 381 anziani sono stati contattati dal servizio Prevenzione ondate di calore nelle giornate contrassegnate dal bollino arancione e rosso, mentre sono complessivamente 988 gli anziani che nel periodo in esame hanno scelto di partecipare alle attività promosse per il tempo libero.

Grazie a “Non più soli”, il programma di contrasto alle solitudini delle persone anziane e fragili che prevede supporto nei percorsi di autonomia per l’inclusione sociale, 86 persone sono state accompagnate nelle attività ordinarie di igiene e cura personale, igiene dell’ambiente, monitoraggio delle condizioni di vita, supporto psicologico, consegna della spesa, azioni di compagnia. A causa delle temperature particolarmente elevate, gli operatori del servizio hanno ridotto al massimo le uscite degli utenti, sostituendoli nelle attività da svolgere fuori casa. Quanto al P.I.S. - Pronto Intervento Sociale, che raccoglie e intercetta, 24 ore su 24, le situazioni di bisogno più urgenti su tutto il territorio cittadino, il servizio ha registrato 433 segnalazioni complessive, con 43 interventi in loco, 68 interventi in reperibilità e 226 richieste di accoglienza, effettuando 10 inserimenti nella struttura Chill house, 63 inserimenti nel centro di accoglienza notturna Andromeda e 1 in una comunità protetta per minori.

Le maggiori criticità hanno riguardato persone senza dimora (316), migranti (222), anziane (93) e minori (55), con problemi di dipendenza (37), patologie sanitarie (79) e psichiatriche (53). Nel periodo in esame l’unità comunale di strada comunale itinerante “Care for people”, attiva in orari serali e notturni per intercettare le persone fragili, ha effettuato complessivamente 793 prestazioni tra accessi spontanei, segnalazioni e interventi in loco. All’attività di “Care for people” si è aggiunta quella della Croce Rossa Italiana- Sezione di Bari, nei mesi di luglio e agosto l’Unità di Strada del Comitato di Bari della Croce Rossa Italiana ha incontrato in media ogni sera 30 persone senza dimora o in stato di forte disagio effettuando 364 contatti, svolti due giorni a settimana in modo itinerante presso i giacigli individuati sul territorio cittadino.

I volontari della Croce Rossa hanno inoltre distribuito circa 500 kg di viveri confezionati e bevande, oltre a vestiario, biancheria intima, mascherine e kit igienici, avviando 12 persone senza dimora ai centri vaccinali Covid-19. Nello stesso periodo, sono stati consegnati carnet di buoni pasto a 109 nuclei familiari in situazione di disagio a seguito di una valutazione effettuata in base a “indici di diseguaglianza” valutati da CRI. Nei mesi considerati, sono stati erogati 456 carnet (ciascuno del valore di 50 euro) per un totale di 22.800 euro.

In base agli stessi criteri valutativi, sono stati consegnati 128 pacchi contenenti viveri e generi di prima necessità a 68 nuclei familiari, rappresentanti 246 soggetti (di cui 69 minori), per un totale complessivo di oltre 11 quintali di prodotti. Dal 1 luglio al 29 agosto, sono state invece 14.867 le prestazioni complessive erogate dal Centro diurno comunale per il contrasto alla povertà estrema Area 51, con 9340 pasti distribuiti tra colazione pranzo e cena, 2.106 accessi per docce e servizi igienici, 414 per deposito di bagagli e distribuzione indumenti e 1.937 interventi di segretariato sociale e orientamento, oltre a 1.070interventi di altre tipologie.

Nel periodo considerato, inoltre, il centro di accoglienza notturna “Andromeda” per persone senza dimora in situazioni di povertà estrema, emarginazione e isolamento sociale, ha effettuato 38 nuove accoglienze con 11 uomini e 5 donne italiani e 21 uomini e 1 donna stranieri, inoltre nel periodo considerato hanno usufruito del servizio 65 ospiti di cui 52 uomini (21 italiani e 31 stranieri) e 13 donne (9 italiane e 4 straniere). Il Centro antiviolenza comunale ha registrato 22 accessi, di cui 7 prese in carico, 8 richieste di informazioni e 5 invii ad altro servizio. In particolare nel mese di luglio è stato registrato un solo intervento in emergenza con accompagnamento in denuncia senza alcun collocamento. Ad agosto, invece, sono stati effettuati 3 servizi di pronto intervento con 1 solo collocamento in struttura.

Infine, l'equipe ha garantito il servizio h24, effettuato incontri di equipe con i servizi sociali e assicurato il funzionamento degli sportelli online. Peraltro nel mese di agosto è ripresa l'attività di sportello in presenza presso il Politecnico di Bari (ogni primo e terzo venerdì del mese), mentre quello presso l'Università degli Studi di Bari Aldo Moro è attivo ogni secondo e quarto venerdì del mese. L’equipe del CAV ha partecipato alla progettualità Estate leggerà con il coinvolgimento di donne utenti del centro con figli minori in percorsi di letture animate, attività teatrali e giochi psico-educativi sulle emozioni. Infine, nel periodo considerato, gli sportelli del Segretariato Sociale dei 5 Municipi e della ripartizione Servizi alla persona hanno registrato 955 contatti per richieste di informazioni sui servizi del piano straordinario a contrasto degli effetti delle ondate di calore sulle persone più fragili (adulti in difficoltà, anziani, famiglie e minori e migranti).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caldo, anziani e fragili a Bari: centinaia di interventi tra luglio e agosto. il bilancio dl Piano Operativo

BariToday è in caricamento