Mercoledì, 29 Settembre 2021
Attualità

Ex Socrate occupato, Comune disponibile all'autorecupero: "Nell'attesa migranti possono trasferirsi in altre strutture"

E' quanto emerso dal tavolo che si è tenuto stamattina in Prefettura, a cui hanno partecipato i firmatari del protocollo d'intesa per il recupero della struttura, dove attualmente risiedono un centinaio di migranti

Si riaggiornerà tra otto giorni il tavolo tecnico convocato dalla prefetta Antonella Bellomo relativo alla vicenda dell'immobile ex Socrate, dove risiedono un centinaio di migranti, tornato agli onori della cronaca dopo l'incendio del 22 dicembre scorso. Obiettivo dell'incontro, è il proseguimento del protocollo d'intesa sottoscritto nel 2014 per l'autorecupero, chiesto a gran voce anche durante l'odierno sit-in degli occupanti in corso Vittorio Emanuele.

Occupazione ex Socrate, sit-in in centro per chiedere l'autorecupero 'condiviso'

Alla riunione interlocutoria hanno partecipato, oltre alla prefetta Antonella Bellomo, anche i firmatari del protocollo, ovvero Regione Puglia, Comune di Bari, ex Iacp, Politecnico, Formedil, associazione "Ingegneria senza frontiere" e associazione Socrate. Nell'ambito della riunione il Comune ha espresso la disponibilità a portare avanti il protocollo e nei prossimi giorni i tecnici comunali con quelli dell'associazione proveranno ad individuare la soluzione migliore per intervenire sulla struttura. Il sindaco Antonio Decaro ha inoltre ribadito la disponibilità ad accogliere temporaneamente la comunità dei migranti in altre strutture.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Socrate occupato, Comune disponibile all'autorecupero: "Nell'attesa migranti possono trasferirsi in altre strutture"

BariToday è in caricamento