Attualità

San Nicola dei baresi e dei turisti, in migliaia per i tre giorni di Festa. Decaro: "Bilancio positivo"

Centro e Borgo Antico presi d'assalto per gli appuntamenti tradizionali della Sagra nicolaiana, dal Corteo storico alle funzioni religiose, fino a street food e fuochi d'artificio

Tre giorni intensissimi, con migliaia di persone per le strade, tra fuochi d'artificio, messe, processioni e tanti appuntamenti. Con poche curiose eccezioni è sostanzialmente filata liscia l'edizione 2018 della Festa di San Nicola, conclusasi, come tradizione, con i fuochi d'artificio nel giorno dedicato ai Baresi. In tanti erano assiepati sul lungomare per ammirare lo spettacolo, al termine di un trittico che ha visto anche momenti abbastanza singolari, dallo spegnimento improvviso delle luci in piazza del Ferrarese durante la Messa alla rottura del Pastorale del Santo durante la processione per le vie di Bari Vecchia. Qualche sporcaccione qua e là, accumuli di bottiglie e rifiuti prontamente ripuliti dall'Amiu a fine serata. La macchina organizzativa non si è inceppata, dal Corteo Storico fino agli ultimi fuochi che hanno illuminato a giorno la città. A colpire, sempre di più, è la presenza di turisti stranieri che scelgono Bari proprio per assistere alle celebrazioni.

Decaro: "Grande apprezzamento per le forze dell'ordine"

Il bilancio del sindaco Antonio Decaro è nettamente positivo: "Per fortuna - spiega a BariToday - ha funzionato tutto, in particolare sul fronte sicurezza. Un ringraziamento particolare va alle forze dell'ordine per la determinazione e la professionalità con cui hanno gestito queste lunghe giornate, aiutati anche dai mezzi audio-video sperimentati nel corso della manifestazione di Coldiretti. Migliaia di baresi e pellegrini hanno potuto apprezzare al meglio la Festa, rinnovando il rapporto della città con il Santo". Un antipasto organizzativo rispetto a quello che accadrà tra qualche settimana con la visita di Papa Francesco: "E' stata una prova generale - prosegue Decaro - verso il 7 luglio. Vedremo come si articolerà l'evento. Il Santo Padre sarà qui a Bari per una preghiera con i patriarchi del Medio Oriente. Non sappiamo ancora se sarà aperta alla cittadinanza con una Messa pubblica". Tutto sarà più chiaro nelle prossime settimane. 

Palone: "Esperienza positiva per Villaggio e fornacelle"

Nel frattempo, tornando alla Sagra nicolaiana, il Comune ha apprezzato anche la gestione dello street food, meta fissa per i visitatori. Da una parte il Villaggio del Gusto e i suoi tanti eventi, dall'altra le fornacelle autorizzate con gli operatori coinvolti in un percorso assieme a Palazzo di Città: "Non potrà che esserci un crescendo - commenta l'assessore cittadino al Commercio, Carla Palone - vista l'esperienza positiva di quest'anno, il lavoro fatto con gli ambulanti e lo staff del Villaggio che ha visto tantissimi baresi e turisti mangiare all'ombra della ruota panoramica". Quella stessa ruota che tra pochi giorni dovrebbe lasciare la città, malgrado il grande successo degli ultimi mesi: "Probabilmente sì" conferma l'assessore Palone con una punta d'amarezza. Lo spazio per una sorpresa post-San Nicola, al momento, non sembra sufficiente.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Nicola dei baresi e dei turisti, in migliaia per i tre giorni di Festa. Decaro: "Bilancio positivo"

BariToday è in caricamento