rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Attualità

La Fiera del Levante ritorna dopo un anno di stop, fermento nel quartiere: "Le belle storie non finiscono mai"

Nel frattempo prosegue anche la campagna di comunicazione per coinvolgere baresi e visitatori: è stato infatti presentato il claim legato all'edizione 2022 assieme al manifesto

Dopo lo stop del 2021 a causa delle difficoltà organizzative per l'emergenza coronavirus e la carenza di spazi adeguati (anche per la presenza dell'ospedale Covid e dell'hub vaccinale), torna l'appuntamento con la Fiera del Levante: la storica kermesse barese si svolgerà dal 15 al 23 ottobre, più in avanti rispetto alla tradizionale collocazione di settembre.

I preparativi per l'allestimento del quartiere fieristico procedono senza sosta. Nel frattempo prosegue anche la campagna di comunicazione per coinvolgere baresi e visitatori: è stato infatti presentato il claim legato all'edizione 2022, intitolato "Le belle storie non finiscono mai".

"Un messaggio con cui si è scelto di comunicare il ritorno, la speranza - affermano dalla Campionaria -. Abbiamo pensato a una storia bella. Perché ogni anno, nonostante i rituali giusti della critica e del confronto, la Fiera rimanda a un storia bella che attraversa generazioni e sentimenti. E le storie belle non si dimenticano mai perché non finiscono mai e restano nel tempo. Di memoria in memoria".

In particolare, il manifesto è opera di Francesco Poroli, illustratore e art director di fama internazionale che ha al suo attivo campagne pubblicitarie come quelle di Campari, Facebook, NBA, Nestlé, Barilla, McDonald's, Il New York Times. "Siamo partiti dall'assunto che la Fiera del Levante possa continuare ad accompagnare questo territorio negli scambi commerciali che, da sempre, oltre a produrre ricchezza, favoriscono anche dialoghi di pace e fratellanza", ha affermato il presidente della Fiera del Levante, Sandro Ambrosi.

"La civiltà del dare e dell'avere, infatti, non ammette scontri, ma solo incontri. Dove ci sono traffici - rimarca - non possono esserci guerre e distruzioni. Così la narrazione di questa manifestazione diventa un emblema dell'intraprendenza levantina e dell'accoglienza mediterranea che, fuse tra loro, generano serenità. La Fiera del Levante, a buon diritto, è dunque una bella storia che, nonostante l'interruzione dello scorso anno a causa della pandemia, torna a farsi ascoltare con i suoi padiglioni rinnovati, con le sue occasioni commerciali, con le sue performance di attrazioni internazionali. Una bella storia che, state tranquilli, non finirà".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Fiera del Levante ritorna dopo un anno di stop, fermento nel quartiere: "Le belle storie non finiscono mai"

BariToday è in caricamento