rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Attualità

Escalation di furti ai negozi in città, il sindacato di polizia: "Servono rinforzi"

L'appello del segretario della Silp Bari Mimmo Chiechi: "Sono ormai passati oltre 15 giorni dal vertice del 7 marzo. Temiamo pure una escalation della criminalità organizzata che è tornata a farsi sentire in città qualche giorno fa"

"Sono ormai passati oltre 15 giorni dal vertice tenutosi in Prefettura il 7 marzo dove venivano annunciati in pompa magna rinforzi ai servizi di vigilanza e nulla è stato fatto". La denuncia arriva dalla Federazione Silp Cgil-Uil Polizia di Bari, e segue l'aumento degli episodi criminosi in città a danni di esercizi commerciali nel capoluogo, l'ultimo dei quali ai danni di un negozio d'abbigliamento in centro, ma i ladri non hanno risparmiato neanche un simbolo come la statua di San Nicola in Basilica.

"Negozi di abbigliamento, ma anche bar ed enoteche - dice il segretario provinciale Mimmo Chiechi - stanno subendo numerosi furti, con le vetrine quasi sempre infrante con lancio di sassi. Avevamo chiesto rinforzi ai vertici della questura, c'è stato il citato vertice in Prefettura, ma ad oggi gli equipaggi disponibili sono sempre quelli: 4 pattuglie mediamente impiegate nel turno notturno per una città di oltre 300.000 abitanti che talvolta scendono addirittura a 3! Un numero inappropriato, di volanti ne servirebbero almeno 7 per turno oltre a un maggiore apporto che dovrebbe essere fornito dai carabinieri".

Chiechi denuncia in città un "cronico problema di carenza di organico e di elevata età media che riguarda tutte le forze dell'ordine", al quale si aggiunge nel Barese un "non ottimale gestione del personale". E riporta l'esempio recente dei poliziotti appena trasferiti alla questura di Bari, "con età anagrafica di gran lunga inferiore a quella della maggior parte degli operatori delle volanti, di coloro che fanno pattuglia, ad uffici ed incarichi non 'operativi'". "Analogamente - conclude la nota della Federazione - anche la gestione dei commissariati di pubblica sicurezza ci appare incomprensibile. Pensiamo a San Paolo, aperto in pompa magna qualche lustro fa, destinato alla chiusura nel 2019 e che oggi conta ancora 9 operatori che potrebbero essere meglio utilizzati. C'è poi il commissariato Carrassi che non è in grado di fornire un solo equipaggio che possa effettuare controllo del territorio. Bari appare sempre più insicura e come è noto recentemente è stato colpito anche un simbolo della nostra città cioè la Basilica e la statua del Santo Patrono. Temiamo pure una escalation della criminalità organizzata che è tornata a farsi sentire in città qualche giorno fa, con un agguato ai danni di un pregiudicato del posto. Da sindacalisti, da poliziotti e da cittadini chiediamo risposte. Quelle che il signor questore da tempo non fornisce ai suoi operatori e alla città tutta".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Escalation di furti ai negozi in città, il sindacato di polizia: "Servono rinforzi"

BariToday è in caricamento