menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via il graffito della pistola davanti alla Cattedrale: i volontari di Retake Bari all'opera a Bari vecchia

Un intervento durato due ore, in occasione dell'anniversario della strage di via D'Amelio il 19 luglio. Ignoti avevano realizzato il disegno con lo spray sul muro di un'abitazione della città vecchia

Una pistola che mira a un cuore con due iniziali. Quello che doveva essere una prova d'amore, si è trasformata in un monumento del degrado nel cuore di Bari vecchia, per giunta a pochi passi da uno dei monumenti più visitati dai turisti, la Cattedrale di San Sabino. E nel giorno dell'anniversario della strage di via D'Amelio, i volontari dell'associazione Retake Bari hanno voluto fare un gesto simbolico, in ricordo del magistrato antimafia Paolo Borsellino ucciso in un attentato con la sua scorta: rimuovere il graffito impresso con lo spray sul muro di un'antica abitazione.

WhatsApp Image 2018-07-19 at 22.06.04-2

Un lavoro durato più di due ore, con l'ausilio di uno speciale gel antigraffiti e di un'idropulitrice, terminato nella serata del 19 luglio. Insieme a loro, anche tanti bambini, che hanno colorato un disegno raffigurante Falcone e Borsellino, lasciando la loro firma sotto la scritta 'Bari non dimentica'. "Così insegniamo loro il valore dell'operato dei due magistrati, attraverso un'iniziativa di aiuto alla comunità. Bisogna dare il buon esempio" ricorda il presidente dell'associazione, Fabrizio Milone.

WhatsApp Image 2018-07-19 at 22.06.03-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento