Sabato, 18 Settembre 2021
Attualità

"Decreto sicurezza danneggia migranti ed italiani", doppio appello e raccolta firme in piazza Libertà

Il provvedimento sarà discusso da domani in aula alla Camera dei Deputati. La Cgil: "E' una brutta copia della legge Bossi-Fini, e non garantisce la tenuta sociale e delle città"

Una raccolta firme per dire no al decreto sicurezza che da domani sarà discusso alla Camera dei Deputati e la consegna di due appelli al Prefetto e al sindaco di Bari: si è svolto stamattina, in piazza Libertà, il presidio di numerosi enti ed associazioni per chiedere modifiche al provvedimento, in particolare a tutela dei diritti umani e con l'obiettivo di non far aumentare l'irregolarità. Alla manifestazione, hanno preso parte, oltre a numerosi cittadini, anche, tra gli altri, Cgil Bari, Anpi, Caritas, Anche Noi, Periplo, Libera, La Giusta Causa, Kairos, Gep, Convochiamoci per Bari, Scuola Penny Wirton, Solidaria e Zona Franka

Sulla questione è intervenuta il segretario regionale della Cgil, Gigia Bucci: "Non funziona nulla rispetto a questa misura governativa - ha spiegato - . L'Europa, sulla questione, ha espresso un giudizio negativo. Stiamo provando ad aprire una mobilitazione dal basso per modificare questo decreto sicurezza che non affronta i temi cruciali del'integrazione, dell'accoglienza, dei diritti umani. E' una brutta copia della legge Bossi-Fini, e non garantisce la tenuta sociale e delle città. Una vera e propria emergenza che dovrebbe scoppiare dal momento in cui andrà in vigore. In discussione c'è la tenuta democratica e il riconoscimento dei diritti".

La storia di Kemo

Tra i partecipanti alla mobilitazione, c'è anche Kemo Drammeh, un giovane di 32 anni fuggito dal Gambia, in Italia da 3 anni , integratosi grazie all'apprendimento della lingua, studiando grazie ai corsi della scuola 'Penny Wirton', da sempre strumento fondamentale per sostenere migranti e stranieri attraverso la conoscenza dell'italiano: "Quando sono arrivato qui - spiega Kemo - sono rimasto 6 mesi al Cara, senza fare praticamente nulla. Poi ho cominciato a frequentare la scuola e ad imparare la lingua per integrarmi meglio. Ora voglio restare e vivere il mio futuro qui, avendo avuto un permesso di soggiorno di cinque anni. Voglio imparare ancor di più per avere un lavoro. Mi piacerebbe studiare scienze politiche e aprire un blog per far conoscere i diritti sociali ed individuali ai miei coetanei africani".

Sogni simili potrebbero, secondo i proponenti dell'appello, potrebbero non realizzarsi se verranno approvate leggi come quella in discussione in Parlamento: "La proposta - spiega Lucia Giorgio, docente di Penny Wirton e componente di Convochiamoci per Bari - penalizza di fatto tutti, anche gli italiani. Chiudere gli Sprar e non dare la possibilità di conseguire un asilo per motivi umanitari può avere effetti sulla situazione economica. Il provvedimento è ispirato sul bisogno di sicurezza ma fa sì che tutte queste persone che verranno messe fuori dalla regolarità possano essere assorbite da ambienti pericolosi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Decreto sicurezza danneggia migranti ed italiani", doppio appello e raccolta firme in piazza Libertà

BariToday è in caricamento