"La nostra scuola non si tocca", lo striscione dei piccoli alunni della San Francesco contro i vandali

L'iniziativa di docenti e studenti: "Più e più volte il muro è stato bucato - spiega la direttrice Patrizia Rossini con un post su Facebook - diremmo meglio sventrato con petardi, ricoperto di scritte ingiuriose e disegni osceni e più e più volte l’ufficio tecnico del Comune è intervenuto ripristinandolo"

Uno striscione per dire basta al vandalismo che negli ultimi mesi ha colpito il plesso San Francesco dell'Istituo comprensivo Japigia 1 Verga: è quanto hanno preparato i piccoli alunni della scuola, presa di mira da ignoti attraverso continui atti vandalici.

"Più e più volte il muro è stato bucato - spiega la direttrice Patrizia Rossini con un post su Facebook - diremmo meglio sventrato con petardi, ricoperto di scritte ingiuriose e disegni osceni e più e più volte l’ufficio tecnico del Comune è intervenuto ripristinandolo. Ma sembra che sia diventato un appuntamento divertente. Appena il muro viene sistemato, il gruppo di balordi interviene". Lo striscione, preparato dai ragazzi, è intitolato 'La nostra scuola non si tocca'

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Siamo esausti, davvero,  - aggiunge Rossini - non è possibile combattere quotidianamente contro incivili che pensano di distruggere un bene così grande quale è la scuola, un luogo in cui i bambini vengono volentieri e in cui si punta anche alla bellezza estetica degli ambienti che diventano accattivanti per l’apprendimento. Il segno del degrado diventa l’affermazione di una identità che non può esistere nella bellezza di un semplice muro pulito. Tante volte ci si chiede il perché di questa pervicacia del male. L’idea di rendere la scuola un presidio sociale, un ente formativo non solo per gli alunni, ma rivolto a tutta la comunità comporta duro lavoro, sacrificio ed onestà. La nostra scuola questo lo ha sempre fatto: si è esposta, schierata ed ha ottenuto grandi successi, tangibili ed evidenti a livello regionale e nazionale. Lo fa anche questa volta, perché ancora non basta, perché ancora c’è tanto da lavorare, con l’aiuto di tutti. La scuola resiste, nonostante un profondo senso di frustrazione, a tutte le intemperie e resta presidio di Vita bella a dispetto di tutto e tutti" conclude Rossini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Uccide fidanzato della ex, accoltella la ragazza e il padre della vittima. arrestato 26enne a Bitetto

  • Pestato brutalmente per strada, morto dopo due giorni di agonia in ospedale. arrestato pregiudicato al San Paolo

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

  • A Bari vecchia 38 positivi al Covid e Decaro mette in guardia i residenti: "A breve confronto con i gestori dei locali"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento