Attualità

Giochi, laboratori e incontri per i più piccoli: al Fortino il 'Villaggio dei diritti'

Al via l'iniziativa promossa dall'assessorato al Welfare: novanta eventi fino al 19 novembre per coinvolgere i bambini nella costruzione di una 'Carta dei diritti' della città di Bari

Laboratori artistici ed educativi, momenti di gioco e seminari rivolti a grandi e piccini. E' stato inaugurato sabato sera, nel Fortino Sant'Antonio, il 'Villaggio dei diritti dei bambini e delle bambine', iniziativa promossa dall’assessorato al Welfare e volta a sensibilizzare i cittadini sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, in occasione della ricorrenza mondiale della Convenzione ONU sottoscritta il 20 novembre 1989.

Verso una 'Carta dei diritti dei bambini' per la città di Bari

Fino al 19 novembre, oltre 90 eventi in programma, con l'obiettivo di coinvolgere i più piccoli nella costruzione di una 'Carta dei diritti di bambini/e e ragazzi/e della città di Bari', attraverso pratiche di condivisione, socializzazione, cittadinanza attiva e accoglienza. La manifestazione è coordinata dal consorzio Elpendù e dalla cooperativa sociale Progetto Città e realizzata da un’ampia rete di organizzazioni attive sul territorio nell’ambito dei servizi rivolti ai minori. 

IL PROGRAMMA COMPLETO DELLE INIZIATIVE

L'assessore al Welfare Bottalico: "Opportunità per riflettere"

La manifestazione ha preso il via sabato sera, prima con lo spettacolo dell'artista di strada 'Mr Big' in piazza del Ferrarese, poi con l'inaugurazione del Villaggio al Fortino, alla presenza del sindaco Antonio Decaro e dell’assessora al Welfare Francesca Bottalico. “La prima edizione del Villaggio dei diritti rappresenta un’importante opportunità per riflettere, a partire dalla voce delle bambine e dei bambini, sulle difficoltà di assicurare a tutti i minori i diritti fondamentali per la loro crescita sana - ha commentato Bottalico -. Noi cercheremo di farlo con un programma molto ricco, con appuntamenti sparsi e attraverso l’uso di linguaggi educativi e artistici, coinvolgendo circa 2000 persone, tra bambini e famiglie. Si tratta di un evento organizzato in un momento storico e sociale molto complesso, in cui diventa necessario restituire ai più piccoli il diritto al gioco, alla famiglia, alla libertà di pensiero e aiutarli a costruire una loro coscienza critica non condizionata dai continui messaggi di violenza, intolleranza e pregiudizio trasmessi dagli adulti. Sarà una settimana rilevante dal punto di vista simbolico, che si affianca al lavoro quotidiano svolto dal welfare e dalle reti territoriali con oltre 10000 bambini e adolescenti nei quartieri, nelle scuole, nelle piazze e nelle case attraverso un sostegno sociale, educativo, relazionale e materiale. Troppe sono ancora le violenze e le povertà che attraversano il mondo dell’infanzia, che ci impongono di interrogarci in maniera responsabile e che richiedono sempre più professionalità, progettualità e competenze in grado di sostenere le famiglie, i papà, le mamme e gli adulti più in generale in modo da fornirgli strumenti e mezzi adeguati ad affrontare le fasi di crescita dei bambini”.

Il programma delle iniziative

Il 5 e l’8 novembre si terranno nel Fortino Sant’Antonio, a partire dalle ore 9, due appuntamenti formativi rivolti ad operatori sociali ed educatori: “Violenza assistita: conseguenze psicologiche e implicazioni socio-educative”, a cura delle operatrici del Centro Antiviolenza del Comune di Bari, e “Il bambino con disabilità fra riabilitazione e gioco”, una tavola rotonda condotta da Cesare Porcelli, responsabile della Neuropsichiatria infantile e dell’adolescenza Area Metropolitana DSM Asl Bari. Il cuore della manifestazione avrà luogo dal 5 al 9 novembre, sempre nel Fortino Sant’Antonio, con il “Villaggio dei diritti” che offrirà tutti i pomeriggi, dalle ore 15.30 alle 19, un programma ricco di attività e laboratori rivolti in particolar modo a bambini e ragazzi. Il programma prevede mostre fotografiche, laboratori ludici, artistici e creativi, letture animate e raccontastorie, laboratori sui diritti e sulla Costituzione, performance, giochi e animazione. Tutte le attività sono libere, aperte e gratuite. L'iniziativa terminerà il 19 novembre nell’Officina degli Esordi, in via Crispi 5, alla vigilia della Giornata Mondiale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza fissata il 20 novembre, con la “Festa dei diritti”: tante le esibizioni musicali e artistiche con la presentazione alla città del lavoro realizzato dai piccoli sulla “Carta dei diritti di bambini/e e ragazzi/e della città di Bari”. Per tutto mese di novembre, inoltre, la rete dei servizi e delle organizzazioni territoriali organizzerà laboratori e iniziative in tutta la città, presso le proprie sedi. 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giochi, laboratori e incontri per i più piccoli: al Fortino il 'Villaggio dei diritti'

BariToday è in caricamento