Corso Vittorio Emanuele si trasforma con la ciclabile e corsie dimezzate: "Pronto in 2-3 settimane"

E' cominciato, stamane il cantiere per la realizzazione del primo tassello del piano 'Bari Open Space', destinato a rivoluzionare la mobilità in città. Le prossime tappe a San Cataldo e sul lungomare Nazario Sauro

Un cantiere rapido, attivo di giorno e nelle ore serali: entro 2-3 settimane (condizioni meteorologiche permettendo) i baresi potranno utilizzare la nuova pista ciclabile di corso Vittorio Emanuele, uno degli assi stradali principali del centro Murattiano, primo tassello del grande piano voluto dal Comune, denominato 'Bari Open Space', destinato a rivoluzionare la mobilità in città. 

Stamane gli operai hanno avviato le lavorazioni per realizzare le due direzioni della ciclabile 'light', senza cordoli o altri accessori che avrebbero richiesto tempi maggiori per autorizzazioni e fondi: il risultato finale consentirà di muoversi agevolmente con bici, monopattini e altri strumenti di micromobilità, senza perdere posti auto. Le corsie di marcia per le vetture saranno invece dimezzate, ridotte a una per direzione: "Stiamo procedendo - spiega a BariToday l'assessore cittadino ai Lavori Pubblici, Giuseppe Galasso - con le fresature di mattina e di sera per realizzare la segnaletica orizzontale, in modo da non interferire con pedoni e traffico. I lavori sono cominciati per l'isolato tra via Melo e corso Cavour. Questa sera procederemo anche con la segnaletica e la tracciatura con i colori bianco, blu e giallo". La ciclabile sarà 'assistita' da una zona zebrata accanto alle strisce blu, per evitare che le bici o i monopattini in transito impattino con gli sportelli delle auto. 

I prossimi passi del progetto 'Bari Open Space'

Da domani, invece, il cantiere proseguirà dal lato Prefettura fino a piazza Garibaldi, per poi andare avanti col lato opposto. Entro giugno, dunque, corso Vittorio Emanuele avrà un volto nuovo. Come reagiranno i baresi ad un eventuale aumento di ingorghi e traffico? Per l'assessore non vi dovrebbero essere grosse variazioni: "Le previsioni da noi effettuate - dice - non sono negative. Teniamo conto che il corso è spesso interessato da un fenomeno di doppia fila che interessa una delle due direzioni di marcia", in particolare tra via Melo e corso Cavour, "e con la ciclabile tutto questo non ci sarà più consentendo di alleggerire il lavoro della Polizia Locale". Il piano 'Bari Open Space' proseguirà con altri punti nevralgici della città: "Il prossimo passo - spiega Galasso - saranno le ciclabili sul lungomare di San Cataldo, attorno al faro, quindi contiamo di procedere con il lungomare Nazario Sauro. Lì, però, stiamo ancora pianificando al meglio gli interventi, tenendo conto che bisogna sistemare diversi pezzi d'asfalto rovinati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia resta 'zona arancione', la decisione del ministro Speranza: misure confermate

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Muore a 53 anni l'avvocata Antonella Buompastore, ex proprietaria del Kursaal Santa Lucia

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Bari, smantellato traffico internazionale di droga: 15 arresti, sequestri di beni per 3,5 milioni

  • Folle inseguimento a 120 km/h per le strade di Carbonara: arrestato pregiudicato 33enne

Torna su
BariToday è in caricamento