Attualità San Pasquale / Via Edoardo Orabona, 4

Ritorno in presenza per gli studenti del Politecnico: oltre 3500 prenotati per le lezioni nelle aule

Le classi sono state occupate al 50 per cento della capienza, come da normativa. All'ingresso nelle aule gli studenti, ai quali è richiesto il green pass, confermano la presenza scansionando un codice Qr con il telefonino. Il rettore: "Momento importante per la nostra comunità"

Ritorno in presenza per gli studenti del Politecnico di Bari. Dopo la prima settimana di lezione online, oltre 3500 aspiranti ingegneri, architetti e designer industriali hanno seguito le lezioni nelle aule, sempre nel rispetto delle norme Covid e con nuovi strumenti tecnologici. In classe c'erano esclusivamente i ragazzi che avevano prenotato il posto attraverso l'apposita app messa a disposizione dal Politecnico.

Il sistema informatico registra le richieste fino a raggiungere il 50 per cento della capienza dei locali. All'ingresso nelle aule gli studenti, ai quali è richiesto il green pass, confermano la presenza scansionando un codice Qr con il telefonino. Tutti gli altri seguono le lezioni da remoto, attraverso la piattaforma Teams. Le aule sono tutte dotate di sistemi di videoregistrazione con telecamera orientabile, microfoni ambientali e maxischermo con lavagna digitale touchscreen, che consente ai docenti di interagire contemporaneamente sia con gli studenti presenti in aula, sia con quelli in remoto e condividere disegni, grafiche, dispense e qualsiasi altro materiale audio e video.

"È un momento importante per la nostra comunità - commenta il rettore del Politecnico, Francesco Cupertino - perché l'università è innanzitutto relazione, confronto, scambio di idee ed esperienze. La pandemia ha imposto nuovi modelli ma anche quando sarà finita dovremo imparare a convivere con essi, integrando la tecnologia con i metodi tradizionali". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ritorno in presenza per gli studenti del Politecnico: oltre 3500 prenotati per le lezioni nelle aule

BariToday è in caricamento