Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid, Lopalco ai pugliesi: "Le regole ci sono, tutti dobbiamo fare la nostra parte. Con la febbre si sta a casa"

L'epidemiologo rinnova l'invito a rispettare le regole e rimarca: "Purtroppo abbiamo avuto focolai importanti per persone che sono andate persino a lavorare"

 

"C’è un virus che circola, che all’inizio dell’anno ha creato una crisi importantissima. Noi adesso questo virus lo conosciamo, sappiamo come gestirlo. Dobbiamo trasformare quella che fino a ieri era un’emergenza sanitaria in quella che è la normale, ordinaria amministrazione di una epidemia. Su questo noi siamo pronti. Oggi in Prefettura abbiamo parlato di controlli e di regole. Le regole ci sono, abbiamo regolamentato davvero ogni attività, i controlli devono essere intensificati. Abbiamo anche avuto i numeri e sono dei numeri impressionanti, perché sono migliaia i controlli che le Forze dell’ordine hanno fatto nelle scorse settimane e continuano a fare". Così l'epidemiologo Pier Luigi Lopalco, capo della task force regionale per l'emergenza Coronavirus, al termine della riunione in Prefettura in cui si è fatto il punto sui controlli anti-Covid.

"Il mio appello personale e accorato - ha detto Lopalco - è quello di ristabilire una forte alleanza fra il cittadino pugliese, un cittadino maturo che deve rendersi conto che dobbiamo continuare a vivere convivendo con questo virus, e lo Stato e la Sanità.  Noi dobbiamo fare la nostra parte, il cittadino deve fare la propria parte. Le regole sono sempre quelle: cerchiamo di stare distanti, cerchiamo di indossare la mascherina quando siamo in presenza di altri sconosciuti e soprattutto nei luoghi chiusi e laviamoci le mani. Ricordiamoci l’altra importantissima regola: con la febbre si sta a casa. Purtroppo noi abbiamo avuto degli importanti focolai causati da persone che sono andate in giro e persino a lavorare con la febbre. Questo oggi non è ammissibile".

Potrebbe Interessarti

Torna su
BariToday è in caricamento